TG1

TG1 SPECIALE del 28/02/2021

  • Durata:01:09:53
  • Andato in onda:01/03/2021
  • Visualizzazioni:


“SANREMO AMARCORD”
Di Daniele VALENTINI
Da “Grazie dei fiori” di Nilla Pizzi a “Fai rumore” di Diodato, dal 1951 al 2020: alla vigilia di quella che passerà come un’edizione storica del festival di Sanremo, in piena pandemia, Daniele Valentini ripercorre a Speciale Tg1 la storia di 70 Festival della canzone italiana di Sanremo. Dalle origini al grande successo. Il Festival nasce in sordina, per rilanciare il turismo d’inverno in Liguria, con solo tre interpreti che cantano 20 canzoni (diffuse soltanto via radio). Nilla Pizzi, la prima vincitrice, poi dirà: “Non sapevamo cosa fosse un festival, capimmo che era importante quando ci dissero di vestirci eleganti”. Ma è quando, nel 1956, il Festival arriva in televisione che l’Italia si ferma per vedere e ascoltare i protagonisti della scena musicale. Due anni dopo Domenico Modugno e Johnny Dorelli rivoluzionano la canzone italiana con “Nel blu dipinto di blu” conquistando un successo planetario. Una carrellata sui protagonisti: Pippo Baudo con tredici conduzioni e Mike Bongiorno con 11 sono i volti del festival, Modugno e Villa con quattro vittorie, ma anche Iva Zanicchi con tre sono i campioni del palcoscenico. E sugli episodi clamorosi, come il dramma di Luigi Tenco che ad appena 28 anni nel 1967 si toglie la vita dopo l’eliminazione dalla gara della sua canzone “Ciao amore ciao” dedicata ai migranti italiani. Il palcoscenico di Sanremo ha anticipato e accolto spesso temi importanti: dal terrorismo alle morti sul lavoro, dal pacifismo alle stragi di mafia, dalla disoccupazione alle contestazioni sociali. Ad accompagnare Daniele Valentini nel percorso di “Sanremo amarcord” due autentici esperti del Festival: Renzo Arbore e Vincenzo Mollica.

Sito

Vuoi rivedere o riascoltare un altro programma?

Guarda altri contenuti di:


Navigazione alternativa dei video correlati