18/12/2017

1° maggio, concerto a S. Giovanni. "Musica per il nuovo mondo"

A Taranto l'altro concerto con Mannoia, Raf e Germano: "Sì ai diritti, no ai ricattì". Esibizione dei big a Roma, da Vinicio Capossela a Daniele Silvestri e Max Gazzè. Dietro le quinte del palco i segretari di Cgil, Cisl e Uil, Camusso, Bonanni e Angeletti.

1° maggio, concerto a S. Giovanni. "Musica per il nuovo mondo"

Un'immagine del concerto

ROMA - E' andato in scena a piazza San Giovanni, a Roma, il classico concertone del primo maggio. "Piove governo di larghe intese", ha chiosato Geppi Cucciari dal palco quando qualche goccia di pioggia è caduta sulla piazza che si avviava verso il momento clou della serata quando si sono esibiti i big, come Vinicio Capossela, Daniele Silvestri e Max Gazzé. Dalla piazza è arrivato qualche coro contro Berlusconi nella prima parte dedicata agli artisti emergenti. Si sono esibiti i sei finalisti del 1MFestival, il web contest di musica emergente che vedrà poi assegnare la targa di Cubomusica. Sul palco sono andati anche in scena le percussioni di Enzo Avitabile, il reggae degli Africa Unite e i Marta sui Tubi, preceduti dall'intervento della ricercatrice precaria Allegra Via: "Non so cosa farò tra cinque anni - ha detto - e mi starebbe bene se questa situazione di incertezza derivasse da scarsa capacità. La verità è però che ci sono poche risorse per la ricerca e questo uccide la speranza e la passione di molti. Non ho cuore per convincere gli studenti a restare in Italia, perché è una responsabilità troppo grande. L'Italia ha però bisogno di queste risorse".

LA PRESENZA DEI SINDACATI. Nel backstage del concertone presenti i segretari di Cgil, Cisl e Uil, Susanna Camusso, Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti, che non dovrebbero però salire sul palco. Nel cast, fra gli altri, ci sono anche Vinicio Capossela, Daniele Silvestri e Renzo Rubino. Nel cast della manifestazione promossa dai sindacati in programma in piazza San Giovanni ci saranno, tra gli altri, anche i già annunciati Elio e le Storie Tese, Max Gazzé, Cristiano De André, Marta Sui Tubi, Motel Connection, Enzo Avitabile e i Bottari. A condurre Geppi Cucciari. Sul palco anche Federico Zampaglione e Niccolò Fabi. Ma c'è stata anche una piccola squadra di attori, composta da Valeria Golino, Riccardo Scamarcio, Jasmine Trica ed Emanuela Grimaldi, che leggeranno testi sul tema del lavoro. Promosso da Cgil, Cisl e Uil, il concerto ha come tema artistico "La musica per il nuovo mondo. Spazi, radici, frontiere".

IL CAST. Fra le novità del concerto nato nel 1989, la partecipazione di un'orchestra rock d'eccezione, diretta da Vittorio Cosma, composta dai musicisti presi in prestito dalle band più in voga del momento, da Roberto Angelini a Enzo Avitabile, Boosta dei Subsonica, Fabrizio Bosso, Capone Bungt&Bangt, James Senese, Federico Poggipollini, Andrea Mariano dei Negramaro e Stefano Di Battista. La superorchestra ha eseguito brani celebri di grandi firme, Lucio Dalla a Adriano Celentano, da De Gregori a Battisti, interpretati da nomi come Niccolò Fabi, Federico Zampaglione, Elio, Erica Mou e tanti altri. E per la prima volta nella sua storia, il Concertone diventerà un docufilm, realizzato dalla gente in piazza attraverso un'app per iPhone e Android creata ad hoc.

A TARANTO "SI' AI DIRITTI NO AI RICATTI". Si chiama "Primo maggio di lotta - Sì ai diritti, no ai ricatti: politica dal basso e musica" l'iniziativa che si svolge a Taranto per iniziativa del comitato "Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti", nato dalle lotte per un'Ilva non più foriera di morte. Scopo dell'iniziativa è "dare un segnale forte: ripartire da qui per ribaltare le sorti di un sistema che continua a stuprare il territorio disseminando veleni che provocano danni irreversibili alla salute ed all'ambiente, facendo leva sul ricatto occupazionale". Cittadini, associazioni e ambientalisti si sono dati appuntamento per dare il via alla giornata di musica e spettacolo "alternativa".
mercoledì, 01 maggio 2013