18/10/2019

[an error occurred while processing this directive]

Ritrovata dopo 31 anni la valigetta di Dalla Chiesa

Il generale fu ucciso a Palermo insieme alla moglie e all'agente di scorta il 3 settembre del 1982 a colpi di kalashnikov. Il ritrovamento è avvenuto nei sotterranei del palazzo di giustizia di Palermo dopo una denuncia anonima.

Ritrovata dopo 31 anni la valigetta di Dalla Chiesa

La valigetta di Carlo Alberto Dalla Chiesa

ROMA - E' stata ritrovata dopo trentuno anni la valigetta vuota di Carlo Alberto Dalla Chiesa, il generale ucciso a Palermo insieme alla moglie e all'agente di scorta il 3 settembre del 1982 a colpi di kalashnikov. Il ritrovamento è avvenuto nei sotterranei del palazzo di giustizia di Palermo dopo una denuncia anonima. Dopo l'assassinio, la polizia trasmise alla procura il reperto senza far cenno ai documenti contenuti nella valigetta. Carte con nomi eccellenti trafugate e su cui si sta ora indagando. "La ricerca nelle viscere del Palazzo di giustizia è partita da un anonimo - scrive Repubblica - (probabilmente scritto da un carabiniere molto informato sui misteri siciliani) che era arrivato nell'autunno scorso al pm Nino Di Matteo. L'anonimo - continua l'articolo di Repubblica - denominava il suo scritto in codice 'Protocollo Fantasma' e invitava i pm a investigare su 22 punti. Uno riguardava proprio la borsa del generale Dalla Chiesa. Dei documenti purtroppo nessuna traccia". Condannati come "esecutori" e "mandanti" Totò Riina e i soliti macellai della sua ciurma: Vincenzo Galatolo, Francesco Paolo Anzelmo, Calogero e Raffaele Ganci, Nino Madonia.

sabato, 27 aprile 2013