13/11/2019

[an error occurred while processing this directive]

Ragazza scomparsa nel bergamasco, si teme un sequestro

In corso le ricerche di Yara Gambirasio, la 13enne di Brembate Sopra scomparsa venerdì pomeriggio.

Ragazza scomparsa nel bergamasco, si teme un sequestro

Yara Gambirasio

BERGAMO - Sono ormai decine le persone impegnate nelle ricerche di Yara Gambirasio, la tredicenne di Brembate Sopra di cui non si sa più nulla da venerdì pomeriggio. Della giovane non si hanno più notizie dalle 18.30 del 26 novembre: la ragazza è stata vista l'ultima volta al palazzetto dello sport del paese, che dista appena settecento metri da casa, dove aveva consegnato uno stereo alle compagne della squadra di ginnastica ritmica. Il cellulare risulta spento dalle 18.49: secondo i riscontri tecnici degli inquirenti, a quell'ora Yara si trovava ancora nei pressi di Brembate Sopra.

LE RICERCHE. I carabinieri che coordinano le ricerche hanno scandagliato il fiume Brembo e il torrente Lesina, sia a monte che a valle. Perlustrate anche le zone intorno alle rive, i pozzi e i cascinali abbandonati. In uno di essi sono stati trovati tre immigrati addormentati: sono stati portati in caserma per l'identificazione, ma sarebbero estranei alla vicenda. La ragazzina sembra scomparsa nel nulla: sparita nei 350 metri che dalla palestra la separavano a casa. Cellulare spento e muto. Con l'ausilio di numerose unità cinofile, la protezione civile e la polizia locale hanno ispezionato anche i paesi delle valli Imagna e Brembana, a pochi chilometri di distanza da Brembate. Intanto anche la rete si è mobilizzata: su Facebook è stato aperto un gruppo per raccogliere informazioni.

SPARITA.
L'allarme per la scomparsa di Yara è scattato venerdì intorno alle 19.30. I genitori, allarmati per il mancato rientro a casa della figlia, hanno allertato carabinieri, vigili e protezione civile, che hanno perlustrato gli edifici abbandonati della zona senza però trovare tracce. Sono poi state ascoltati parenti, amici e conoscenti senza che emergessero elementi in grado di indirizzare le ricerche. La fotografia di Yara è stata diramata a tutte le forze dell'ordine. Quando è uscita di casa, la 13enne indossava un paio di fuseaux e un giubbotto di colore nero.

IPOTESI SEQUESTRO. La giovane, promessa della ginnastica ritmica, ha molti amici, buoni voti a scuola e a quanto risulta nessun problema in famiglia. Anche dalle ultime telefonate e dagli sms non è emerso nulla che lasciasse pensare a una fuga. E la famiglia - padre impiegato, madre educatrice in un asilo nido - non è in condizioni economiche tali da far pensare a un sequestro a fini d'estorsione. L'ipotesi più accreditata è che la ragazza sia stata costretta a seguire qualcuno contro la sua volontà. Il pm Letizia Ruggeri che coordina le indagini ha aperto un fascicolo a carico di ignoti per sequestro di persona.

IL TESTIMONE. Gli investigatori ascolteranno nelle prossime ore la testimonianza di un giovane di 19 anni, vicino di casa della ragazzina, che nelle scorse ore ad alcuni giornalisti ha dichiarato di aver visto Yara intorno alle 18.45 di venerdì a poche decine di metri dalla sua abitazione in compagnia di due uomini. Secondo il testimone vicino a loro era parcheggiata una Citroen di colore rosso con le quattro frecce accese. Queste dichiarazioni saranno valutate dagli inquirenti e, se saranno ritenute attendibili, potrebbero costituire un punto di partenza nelle ricerche della ragazzina scomparsa.

 

domenica, 28 novembre 2010