09/12/2021

[an error occurred while processing this directive]

Libia, il Niger nega l'estradizione di Saadi Gheddafi

L'Interpol ha emesso un mandato d'arresto per il figlio del rais, Saadi, su richiesta delle nuove autorità libiche. Arrestato a Sirte il portavoce del colonnello, Moussa Ibrahim.

Libia, il Niger nega l'estradizione di Saadi Gheddafi

Al-Saadi Gheddafi

SAINT-BRIEUC (FRANCIA) - Il primo ministro del Niger, Brigi Rafini, ha ribadito che il suo Paese non intende estradare in Libia Saadi Gheddafi, figlio del colonnello Muammar Gheddafi. "Saadi Gheddafi è al sicuro a Niamey, nelle mani dello stato del Niger", ed è "escluso per ora" che venga estradato in Libia, ha detto ad alcuni giornalisti Rafini, che si trova a Saint-Brieuc, in Bretagna, per alcuni incontri sulla cooperazione. Fonti del Cominato nazionale di transizione libico hanno riferito inoltre che il portavoce del caduto regime libico del colonnello Gheddafi, Moussa Ibrahim, è stato arrestato a Sirte. 

MANDATO D'ARRESTO
. L'Interpol ha spiccato un mandato d'arresto a carico di Saadi Gheddafi su richiesta delle nuove autorità libiche. Saadi è ricercato in particolare per “presunta appropriazione indebita tramite la forza e l'intimidazione armata quando era a capo della Federazione libica di calcio”. Inoltre, “in quanto comandante di unità militari sospettate di coinvolgimento nella repressione di manifestazioni di civili durante le rivolte in Libia, è anche soggetto a un divieto di viaggio da parte delle Nazioni Unite e al congelamento dei beni”.giovedì, 29 settembre 2011