18/11/2018

[an error occurred while processing this directive]

Rudy Guede, la scheda

L'ivoriano, condannato in primo grado con sentenza confermata in Appello, sta scontando una pena di 16 anni di reclusione per l'omicidio dei Meredith Kercher. Si è diplomato prima dell'estate e nel penitenziario è considerato un detenuto modello.

Rudy Guede, la scheda

Rudy Guede

PERUGIA - Rudy Guede, ivoriano, 23 anni, originario di Agou, in Costa d'Avorio, nato il 26 dicembre del 1986 e arrivato in Italia a sei anni. E' uno dei protagonisti dell'inchiesta sull'omicidio della studentessa inglese Meredith Kercher, uccisa la notte del primo novembre 2007. Il giovane è stato arrestato in Germania e imputato per l'assassinio insieme ad Amanda Knox e Raffaele Sollecito, ma a differenza degli altri due ha chiesto e ottenuto il rito abbreviato. E' stato poi condannato in primo grado a 30 anni di reclusione per violenza sessuale e concorso in omicidio: Meredith fu uccisa, disse allora l'accusa, perché non volle partecipare a "particolari giochi sessuali" di gruppo nella casa di via della Pergola dove abitava con Amanda, stabilirono allora i giudici. La pena è stata poi dimezzata (16 anni) in Appello, dato che i giudici gli hanno concesso le attenuanti generiche che erano invece state negate in primo grado: i magistrati hanno stabilito la pena in 24 anni di reclusione, poi ridotta di un terzo sia per il rito abbreviato che per le attenuanti riconosciute.

IL DNA. Ruolo centrale nel processo, le perizie sulle tracce di dna trovate sul reggiseno e sui gancetti di Mez e sull'arma del delitto, un coltello. E altre impronte di scarpe sarebbero state intrappolate dall'alone lasciato dal sangue della vittima. Per Rudi Guede invece la presenza nella casa sarebbe direttamente confermata dal suo racconto dove dice di aver avuto un appuntamento con la vittima e di aver visto Amanda e Raffaele uccidere Meredith.

DETENUTO MODELLO. L'ivoriano si è diplomato nel carcere viterbese di Mammagialla, dov'è detenuto da quasi tre anni, nel luglio scorso. Secondo i dirigenti del penitenziario, che lo definiscono un deteuto modello e un assiduo frequentatore delal biblioteca interna al carcere, Guede probabilmente si iscriverà all'università della Tuscia. Finora non è mai incorso in sanzioni disciplinari.

LA TESTIMONIANZA DI ONOFRI. E' stato chiamato a fine giugno a deporre nell'ambito del processo di Appello per la Knox e Sollecito perché tirato in ballo da un altro detenuto, Mario Alessi, condannato all'ergastolo per avere rapito e ucciso il piccolo Tommaso Onofri. Il muratore aveva detto agli inquirenti che Guede gli avrebbe raccontato che Sollecito e la Knox erano estranei alla morte di Meredith, ma il giovane ha negato la confidenza.

domenica, 02 ottobre 2011