11/12/2018

[an error occurred while processing this directive]

Somalia, liberata la nave italiana "Rosalia D'amato"

Libero il mercantile italiano Rosalia D'Amato e i ventidue uomi di equipaggio, tra cui sei italiani.

» Segnala ad un amico
Somalia, liberata la nave italiana "Rosalia D'amato"

La nave liberata

MOGADISCIO - E' libero il mercantile italiano Rosalia D'Amato, con i ventidue uomi di equipaggio, tra cui sei italiani. Dopo sette mesi di trattative, i pirati somali hanno deciso di rilasciare la nave assaltata il 21 aprile scorso. "Stiamo tutti bene": sono le primissime parole che Orazio Lanza, comandante della Rosalia D'Amato, ha riferito, a telefono, a Carlo Miccio, vertice della società armatrice Perseveranza Navigazione. "Per noi non è ancora avvenuta la liberazione visto che la nave è ancora nelle acque somale", riferisce il comandante Miccio.

L'ATTACCO DEI PIRATI. L'attacco avvenne intorno alle 4,15, a circa 320 miglia a sud dell'Oman e a 300 a est dell'isola di Socotra. I pirati, dopo aver abbordato la nave, costrinsero il comandante a dirigere verso le coste somale.

GLI ITALIANI A BORDO. Ecco i nomi degli italiani: Orazio Lanza, comandante di Messina; Antonio di Girolamo, direttore di macchina di Mazara del Vallo (trapani); Gennaro Odoaldo, terzo ufficiale di coperta; Vincenzo Ambrosino, allievo ufficiale di macchina, entrambi di Procida (Napoli); Giuseppe Maresca, secondo ufficiale di coperta di Vico Equense (Napoli), Pasquale Massa primo ufficiale di coperta di Meta di Sorrento, ma residente in Belgio.

venerdì, 25 novembre 2011