19/09/2017

Seedorf: "Allenerò il Milan: a Berlusconi non potevo dire di no"

"Quando il presidente mi ha chiamato ieri non ho potuto dirgli di no": Clarence Seedorf in conferenza stampa a Rio ricostruisce le ultime ore che lo hanno portato ad essere il nuovo tecnico dei rossoneri dopo l'esonero di Allegri.

Seedorf: "Allenerò il Milan: a Berlusconi non potevo dire di no"

Clarence Seedorf

ROMA - "Questa esperienza al Botafogo in questo anno e mezzo mi ha fatto crescere molto e mi aiuterà nel prossimo passo, che sarà come allenatore del Milan": lo ha annunciato Clarence Seedorf nel corso della conferenza stampa di addio nella sede della squadra di Rio. "Se avessi potuto giocare altri cinque anni sarei rimasto, perché qui al Botafogo il gruppo è giovane e competitivo. Ma la carriera di un giocatore non è eterna".

"A BERLUSCONI NON POTEVO DIRE NO". "Ho sempre vissuto il calcio come parte della mia vita ma non come la mia vita. Il calcio può finire in qualsiasi momento e io devo essere in grado mentalmente di guardare sempre alle opportunità che si presentano. Nel calcio ho vinto tutto e il calcio mi ha dato tanto ma ora è arrivato quel momento". "Quando il presidente mi ha chiamato ieri non ho potuto dirgli di no": così Clarence Seedorf in conferenza stampa a Rio ricostruisce le ultime ore che lo hanno portato ad essere il nuovo allenatore del Milan dopo l'esonero di Massimiliano Allegri.

"COME GIOCHERA' IL MILAN?" "Come giocherà il Milan? Non posso dirlo adesso. Fra pochi giorni risponderò anche a questa domanda. Ci vedremo fra qualche giorno per parlare di questi dettagli. Non dirò nulla sul Milan oggi": così Clarence Seedorf, sollecitato dai giornalisti brasiliani in conferenza stampa, sul suo futuro incarico.martedì, 14 gennaio 2014