21/03/2019

[an error occurred while processing this directive]

Anonymous in marcia su Westminister

Manifestazione di protesta davanti al Parlamento a Londra per "mettere in guardia i governi contro la censura e la libertà di espressione".

Anonymous in marcia su Westminister

Anonymus

LONDRA. Siti internet sotto attacco e cortei programmati in mezzo mondo. Le tenebre calano e gli attivisti di Anonymous e Occupy preparano le maschere. Quelle di Guy Fawkes, ovviamente. ''The end is nigh'' - la fine è vicina - recitano gli striscioni in stile millenarista. E' il giorno della rivolta, così l'ha immaginata il guru Alan Moore nel suo 'V for Vendetta', libro (ma soprattutto film) culto del movimento.

LA FESTA DI GUY FAWKES. E pazienza se cade proprio il 5 novembre il giorno di Guy Fawkes. Gli inglesi celebrano l'arresto dei cospiratori cattolici che nel 1605 tentarono di far saltare per aria il Parlamento e uccidere il re Giacomo I. Guy Fawkes - beccato sul punto di dar fuoco alla dinamite - venne torturato per due giorni e quindi giustiziato. Ma Alan Moore e il suo graphic novel hanno trasformato la festa. La maschera di 'Guy Fawkes-V', il protagonista dinamitardo della storia di Moore, diventa il 'volto' delle proteste antiausterità.

ATTACCATO SITO LADY GAGA. Nonché della rete di hacker Anonymous. Proprio loro nelle ultime 24 ore hanno lanciato una serie di attacchi a obiettivi disparati come il sito della americana NBC, della cantante pop Lady Gaga e del governo australiano - colpevole, a quanto pare, di voler passare leggi 'interneticide'. Anche il sito di pagamenti online Paypal pare essere stato colpito (Anonymous ha pubblicato un link con le password di 24mila profili) anche se all'azienda ''non risulta'' violazione dei suoi sistemi di sicurezza.

MANIFESTAZIONE IN TUTTO IL MONDO. Sui social network si moltiplicano le chiamate a raccolta. Davanti a Westminster, una marcia per ricreare la scena finale di 'V for Vendetta', con migliaia di attivisti mascherati da Guy Fawkes. L'Operazione Vendetta promette eventi analoghi a Seattle, Washington, Parigi, Roma, Bruxelles, Losanna e altre città europee. ''Londra è il punto focale di un'azione globale per mettere in guardia tutti i governi contro la censura e la libertà di espressione sul web'', recita la nota del gruppo.

PER LA "LIBERTA' DI ESPRESSIONE". Moore, per sottolineare il suo beneplacito, ha composto e interpretato una ballata per la Occupation Records, etichetta indipendente costola del movimento Occupy. Il pezzo si chiama 'The Decline of English Murder' e descrive scene di ordinaria depressione economica e sociale. Non manca un riferimento ai banchieri della City e di Wall Strett: ''lo psicopatico medio almeno uccide con un martello o un mattone/non con l'ingordigia e l'incompetenza/e dopo due o tre anni magari esprime rimorso''. La lotta non si ferma, semmai cambia medium.

lunedì, 05 novembre 2012