18/10/2019

[an error occurred while processing this directive]

Legge 40, giudice ordina diagnosi preimpianto

E' la prima volta dall'entrata in vigore della legge sulla fecondazione assistita che viene riconosciuto questo diritto. A farlo è stato il Tribunale di Cagliari, che ha autorizzato una donna malata di talassemia maior e un uomo portatore sano a eseguire il test.

Legge 40, giudice ordina diagnosi preimpianto

Diagnosi preimpianto

ROMA - Per la prima volta dall'entrata in vigore della legge 40 sulla fecondazione assistita, un giudice ha riconosciuto il diritto di poter effettuare la diagnosi preimpianto, tecnica che consente di sapere se anche l'embrione è affetto da malattie genetiche di cui soffrono i genitori. Il Tribunale di Cagliari ha infatti autorizzato una coppia a eseguire il test all'Ospedale Microcitemico di Cagliari: la donna è malata di talassemia maior e il compagno è portatore sano della stessa malattia.

DIRITTO PER COPPIE CON MALATTIE GENETICHE. L'ordinanza intima ai centri pubblici specializzati in procreazione medicalmente assistita di offrire il servizio di diagnosi a tutte le coppie che la richiedano perché affette da malattie genetiche. Per l'associazione Luca Coscioni, "su 357 centri di Pma attivi, nessuno dei 76 pubblici offre la diagnosi preimpianto, nonostante con le linee guida Turco del 2008 sulla legge 40 sia consentita".giovedì, 15 novembre 2012