08/12/2019

[an error occurred while processing this directive]

Ricordati di salvare l'Italia

Una "maratona culturale", una corsa speciale non competitiva, che si puo' fare anche camminando, in 70 citta' della penisola: e' Faimarathon, l'iniziativa promossa per domenica 21 ottobre dal Fondo per l'Ambiente Italiano (Fai) in collaborazione con il Gioco del Lotto.

» Segnala ad un amico
Ricordati di salvare l'Italia

Fai, Giornata di Primavera

ROMA - Noi italiani siamo ricchi. Anche in questo momento di crisi economica, siamo i più ricchi del mondo. Ma spesso ce ne dimentichiamo. Il nostro immenso patrimonio artistico e paesaggistico è un bene collettivo che abbiamo ricevuto in dono insieme alla responsabilità di preservarlo e all’opportunità di farlo diventare un’importante fonte di sviluppo economico, un “tesoro di famiglia” che tutto il mondo ci invidia per la varietà e l’unicità delle sue caratteristiche.

INESTIMABILE RICCHEZZA
- Sappiamo però che è anche un patrimonio fragile e bisognoso di rigide regole per la sua tutela, regole che devono essere rispettate se non vogliamo assistere a un degrado da cui non si può tornare indietro. Tuttavia il futuro non si costruisce solo sulla protezione e la conservazione del passato, “fermando il tempo”. Al contrario il FAI – Fondo Ambiente Italiano sente che è necessario fare, agire in prospettiva, per costruire un nuovo mondo attorno alla nostra ricchezza. Una ricchezza dimenticata dai più, a partire dai nostri politici, i cui drammatici tagli – in inspiegabile controtendenza con ciò che accade nel resto del mondo – hanno ulteriormente soffocato questo potenziale.  Solo pochi italiani si rendono realmente conto di questa inestimabile ricchezza del nostro Paese. Invece la bellezza dell’Italia può e deve creare sviluppo economico, posti di lavoro, incremento del turismo. Il FAI crede che sia questa l’Italia che possiamo salvare, tutti insieme.
“Ricordati di salvare l’Italia” è la campagna nazionale di raccolta fondi che il FAI rivolge a tutti coloro che hanno a cuore il nostro Paese, a tutti coloro che credono nelle potenzialità della bellezza dell’Italia e che credono occorra attivarsi in prima persona, perché il nostro patrimonio ha bisogno di tutti gli italiani. Sostenere la campagna è semplice: basta inviare un SMS al numero 45503. Vale 2 euro e serve per salvare l’Italia.

FAIMARATHON - Per dare un significato ancora più forte alla campagna “Ricordati di salvare l’Italia”, domenica 21 ottobre la Fondazione invita tutti gli italiani a partecipare alla prima edizione di FAIMARATHON, evento nazionale che si svolgerà in oltre 70 città italiane a cura delle Delegazioni e dei volontari FAI e sarà realizzato in collaborazione con Il Gioco del Lotto, da sempre sensibile alle iniziative di alto valore culturale. La FAIMARATHON, “l’unica maratona che si corre con gli occhi” prima che con le gambe è una speciale corsa non competitiva, che si può fare anche camminando, pensata per far scoprire o riscoprire agli italiani i paesaggi urbani ed extraurbani nei quali vivono tutti i giorni, ma di cui spesso ignorano le bellezze, il valore e la storia. Tra le tappe anche alcune curiosità come i siti ipogei urbani di Ascoli Piceno, le vie percorse e descritte da Umberto Saba nel Rione Cavanna a Trieste, a Como l’ultima casa di tolleranza chiusa nel 1958 chiamata “Il dollaro”, le secolari “fosse granarie” a Cerignola (FG), dove venivano conservate le famose mandorle pugliesi, le più belle tra le 2500 “vere da pozzo” di Venezia, ovvero le costruzioni lapidee a protezione dei serbatoi d’acqua dei pozzi che con il tempo divennero anche pittoreschi ornamenti di piazze e cortili.


 “RICORDATI DI SALVARE L’ITALIA” E INVIA IL TUO SMS DA 2 EURO AL NUMERO 45503. IL NOSTRO PATRIMONIO HA BISOGNO DI TE. Dall’8 al 14 ottobre è possibile donare 2 euro inviando un SMS al 45503 da ogni cellulare personale TIM, Vodafone, Wind, 3, PosteMobile, CoopVoce e Nòverca oppure chiamando da rete fissa TeleTu e TWT. Inoltre sarà possibile donare 5 o 10 euro con una telefonata da rete fissa Telecom Italia, Infostrada e Fastweb.lunedì, 08 ottobre 2012