22/01/2019

[an error occurred while processing this directive]

Primarie del centrosinistra. Vince Fassino con il 55,3% delle preferenze

L'ex segretario Ds ha ottenuto 29.297 voti. Boom di votanti, oltre 53mila. Bersani: "Ora il centrosinistra sia unito".

» Segnala ad un amico
Primarie del centrosinistra. Vince Fassino con il 55,3% delle preferenze

Piero Fassino

TORINO - Piero Fassino ha vinto le primarie di Torino come candidato sindaco per il centrosinistra alle elezioni amministrative di maggio. L'ex segretario dei Ds ha ottenuto 29.297 voti, pari al 55,28%. Lo riferiscono dal Centro Operativo delle primarie che ha elaborato i dati ufficiali della consultazione. Alle spalle di Fassino ci sono Davide Gariglio (14.516 voti; 27,39%), Gianguido Passoni (6.585 voti; 12,42%); Michele Curto (2.199 voti; 4,15%) e Silvio Viale (405 voti; 0,76%). Ieri a Torino c'è stato un vero e proprio boom di votanti, oltre 53mila. Un "risultato straordinario", ha detto l'ex segretario dei Ds. "Ora tutti uniti intorno a lui", ha commentato a caldo il leader del Pd, Pier Luigi Bersani.

RECORD VOTANTI.
Secondo i dati definitivi del centro operativo delle stesse primarie, i votanti sono stati 53.185 (con un leggero aumento rispetto ai 52.922 comunicati subito la chiusura dei seggi). Le schede nulle sono state 120 (0,22%); quelle bianche 63 (0,12%).

BERSANI.
 Commentando l'esito delle primarie, il segretario nazionale del Pd, Pier Luigi Bersani, ha dichiarato: "Attorno a Piero Fassino, che ha ottenuto un risultato di straordinaria ampiezza, si raccoglieranno ora tutte le forze del Pd e del centrosinistra in vista della sfida elettorale per il comune di Torino, una sfida che vinceremo."

FASSINO. Questo il commento di Fassino già quando i risultati sembravano dargli la vittoria a metà spoglio: "Da domani lavoreremo per costruire il progetto per il futuro di Torino e presentarci in modo forte e vincente alle elezioni di maggio. Avevo percepito intorno alla mia candidatura un'attenzione, una simpatia, un affetto molto grande. Oggi i risutati  dicono che questo consenso è veramente ampio. Credo che sia importante - ha concluso - perchè consente al centrosinistra di presentarsi alla sfida elettorale con un candidato in cui la città può riconoscersi".

CHIAMPARINO. "La fase della mia successione inizia nel migliore dei modi": lo ha detto, in serata, il sindaco di Torino, Sergio Chiamparino. "L'elevata affluenza al voto e la serenità e compostezza della partecipazione - ha aggiunto - hanno riabilitato le primarie". "La vittoria di Fassino - ha detto ancora Chiamparino - lascia ben sperare per la scadenza di maggio. Senza sottovalutazioni - ha concluso - la città potrà avere una solida guida di Centrosinistra capace di portare avanti il lavoro fatto in questi dieci anni, attenta alle necessarie innovazioni".

CANDIDATI.
I candidati in lizza erano cinque: Piero Fassino (Pd), Davide Gariglio (Pd), Gianguido Passoni (Civico, ex Pdci), Silvio Viale (Radicali) e Michele Curto (Civico). Per le operazioni di voto sono state preparate circa 80mila schede; poco più di 40mila sono state distribuite, mentre le altre sono tenute di riserva.

IL VOTO A NOVARA. Ieri, per scegliere il candidato del centrosinistra per le prossime amministrative, si è votato anche a Novara. Ha vinto Andrea Ballarè, commercialista 43enne candidato del Partito Democratico, di area cattolica. Ballarè aveva già vinto le primarie interne al Pd ed è risultato vincitore nella sfida a tre con il candidato di Sinistra, ecologia e libertà, Nicola Fonzo, e con Nathalie Pisano, dei Radicali. Il giovane novarese ha ottenuto il 68% dei 1.508 voti complessivi, mentre a Fonzo e Pisano sono andati, rispettivamente, il 28,5% e il 3,2% dei suffragi. A Ballarè toccherà sfidare il candidato sindaco del Centrodestra: Mauro Franzinelli, segretario provinciale della Lega Nord e assessore comunale alla sicurezza.

domenica, 27 febbraio 2011Aggiornato:lunedì, 28 febbraio 2011, 01:08