28/01/2021

[an error occurred while processing this directive]

I funerali di Vittorio il giorno di Pasqua

Per partecipare alle esequie arriveranno a Bulciago (Lecco), il paese d'origine dell'attivista, amici e conoscenti anche da Spagna, Irlanda e Francia. La famiglia ha chiesto di non inviare fiori ma di devolvere quei soldi in favore del popolo palestinese.

I funerali di Vittorio il giorno di Pasqua

Funerale Arrigoni Gaza

ROMA - Una corda per strangolarlo e nessun segno di pestaggio. Sulla morte di Vittorio Arrigoni, il volontario italiano ucciso a Gaza da una cellula terroristica salafita, giungono nuove risposte dall'autopsia svolta all'istituto di medicina legale dell'università La Sapienza di Roma. La salma ha lasciato l'istituto legale per essere trasferita a Milano dove è stata accolta, al suo arrivo in aeroporto, dai familiari dell'attivista che via mail hanno chiesto agli amici di Vik di essere lasciati soli fino ai funerali, fissati per domenica, il giorno di Pasqua. Per partecipare alle esequie arriveranno a Bulciago, il paese d'origine dell'attivista, amici e conoscenti anche da Spagna, Irlanda e Francia.

SOLDI PER LA PALESTINA. Dopo i funerali religiosi è previsto anche un momento di raccoglimento laico in ricordo di Vittorio. La famiglia ha chiesto, inoltre, agli amici di non inviare fiori per i funerali ma di devolvere quei soldi in favore del popolo palestinese. In un video, postato in queste ore su youtube, Arrigoni in modo quasi profetico parla della sua morte chiedendo di non essere seppellito "sotto nessuna bandiera" perchè‚ vuole "essere ricordato" per i suoi sogni. "Dovessi morire, tra cento anni, vorrei che sulla mia lapide - spiega il filmato lo riprende che cammina nel cimitero militare di Gaza - fosse scritto ciò che diceva Nelson Mandela: 'un vincitore è un sognatore che non ha mai smesso di sognare'. Vittorio Arrigoni - conclude - un vincitore". venerdì, 22 aprile 2011