11/12/2018

[an error occurred while processing this directive]

Chi sono i carabinieri feriti

Si tratta del Giuseppe Giangrande, 50 anni, e il carabiniere scelto Francesco Negri, di 30. I due militari sono stati feriti durante la sparatoria questa mattina davanti a Palazzo Chigi.

Chi sono i carabinieri feriti

Uno dei due carabinieri feriti

ROMA  - I carabinieri feriti questa mattina durante la sparatoria davanti Palazzo Chigi sono il brigadiere Giuseppe Giangrande, di 50 anni, e il carabiniere scelto Francesco Negri, di 30. Sia il brigadiere sia l'appuntato appartegono al Battaglione Toscana.

BRIGADIERE FERITO IN MODO GRAVE. Giangrande è nato a Monreale (Palermo) e vive a Prato da anni. E' vedovo da due mesi e ha a una figlia di 23 anni. E' il più grave dei due carabinieri ed è stato ricoverato all'Umberto I con una lesione alla colonna vertebrale cervicale. Il militare non è in pericolo di vita, ma rischia di rimanere paralizzato. Il proiettile lo ha raggiunto al lato sinistro del collo ed è stato sottoposto a due interventi. La prognosi resta riservata per le prossime 72 ore e Giangrande resta in terapia intensiva.  Dopo il secondo intervento i medici hanno riferito che il brigadiere ha un "danno midollare importante, gli esiti sono da valutare".

L'ALTRO FERITO. L'altro carabiniere, Francesco Negri, originario di Torre Annunziata (Napoli), è stato ricoverato al San Giovanni. "Il carabiniere - ha detto il direttore generale dell'Ospedale Gianluigi Bracciale - è ferito alla gamba destra. Si tratta di una frattura. Sono stati fatti anche degli esami elettronici". Negri è stato operato e in ospedale con lui ci sono la fidanzata e il fratello. "E' in ottime condizioni - ha detto il direttore sanitario dell'azienda ospedaliera Gerardo Corea -, ma continua a chiedere del collega ferito''.

LETTA ALL'UMBERTO I. Subito dopo il giuramento i neoministri Alfano e Mauro sono andati all'Umberto I per visitare il carabiniere ricoverato. In serata si è recato in ospedale anche il presidente del Consiglio Enrico Letta.

domenica, 28 aprile 2013