11/12/2018

[an error occurred while processing this directive]

Addio a Roland Petit

E' morto a Ginevra il coreografo e danzatore francese Roland Petit. Aveva 87 anni. Carla Fracci: "Resterà sempre nel mio cuore".

Addio a Roland Petit

Roland Petit

GINEVRA - Vari teatri, dal Petruzzelli di Bari al Bellini di Catania nell'anno passato hanno tributato uno omaggio all'arte di Roland Petit, morto oggi a Ginevra a 87 anni per una leucemia, ma è all'Opera di Roma, a dicembre, che è salito sul palco, chiamato alla fine a gran voce dai ballerini, accennando ironicamente anche un passo di danza, mentre il pubblico esplodeva in una entusiastica standing ovation per questo grande, vecchio maestro della danza moderna, che seppe rinnovare muovendosi modernamente oltre gli schemi tradizionali, senza accettare confini per la sua arte, che ha messo al servizio del musical come del balletto più classico, di Bach come dei Pink Floyd, durante una vita in cui ha collaborato con i più bei nomi della cultura e l'arte francese e non solo.

GLI ESORDI E LA CARRIERA. Nato a Villemomble nel 1924, figlio di un'italiana e di un barista alle Halles a Parigi, è uscito dalla scuola di Serge Lifar e Boris Kniasseff. Da noi, divenne popolare anche per l'unione di arte e vita con Zizi Jeanmaire, che in Italia ebbe una fortunata stagione televisiva. I primi passi li mosse all'Opera di Parigi quando aveva 10 anni, dove crebbe sino a quando se ne ando' sbattendo la porta e dove tornò solo nel 1965 per firmare ''Notre Dame de Paris''. ''Avevo appena vent'anni - ricordava lui qualche anno fa - Mio padre mi diede i suoi risparmi e creai il mio primo balletto, 'Les Forains', con Christian Bérard'', un lavoro basato sullo spettacolo di un gruppo di saltimbanchi, secondo stilemi propri della cultura del periodo, quella del Picasso dei Pierrot o della ''Parade'' di Messine. ''Devo confessare - amava dire - che ero ben spalleggiato dai consigli di Jean Cocteau (che firmò il libretto di un capolavoro come ''Le jeune homme et la mort''), Henri Sauguet, Boris Kochno, Picasso, Marie Laurencin, Jacques Prévert, Boris Vian, Jean Genet, Marcel Aymé, Paul Delvaux, Georges Simenon, che mi hanno disegnato le scene e i costumi e che hanno scritto per me i meravigliosi soggetti dei miei balletti, permettendomi di cominciare a girare il mondo con i miei ballerini''. Con alle spalle così forti credenziali, ovunque arrivava trovava porte aperte e finì per frequentare tutti i grandi nomi della sua epoca, come quando, sempre aperto a ogni sperimentazione e a tutte le arti, andò per qualche anno a Hollywood con Howard Hughes e Samuel Goldwyn, dove lascia Leslie Caron, danzatrice della sua compagnia, e si trova sottobraccio a Fred Astaire, frequenta Orson Welles, Danny Kaye, Marlene Dietrich e un po' anche Marilyn, partecipando a molti film americani e anche francesi.

LA PRIMA COMPAGNIA. Nel 1945 fonda la sua prima compagnia 'Les ballets des Chams-Elysees' poi nel 1948 crea i 'Ballets de Paris' al teatro Marigny, con Zizi Jeanmaire, che sarebbe diventata sua moglie, compagna di vita di arte, ispiratrice adorata sempre: ''E' lei che mi ispira ancora, ancor più di ieri e ogni giorno sempre di piu'. Il balletto 'Carmen' è lei stessa, 'Le truc en plumes' è ancora lei e la bella canzone che canto nel mio cuore, 'Une vie sans toi qu'est ce que ça veut dire', e' ancora lei'', diceva pochi anni fa. Per lei si avvicinò anche negli anni '60 alle piume e paillettes del Casino di Parigi col celebre 'Truc en plume', che fece il giro del mondo. Una carriera lunga e varia insomma, comunque segnata da balletti storici, che spesso, con le loro novità, hanno diviso pubblico e critica, aprendo discussioni tra chi esaltava la sua fantasia e teatralita', e chi trovava i suoi movimenti contaminati da modelli leggeri, figli raffinati di certa influenza della tv, per non parlare di quando a Spoleto, negli anni '90, arrivo' con luci laser e fumi in scena. Certo che piu' spesso facevano notizia le sue collaborazioni con artisti quali Keith Haring, Jean Tinguely, Giorgio de Chirico, Yves Saint-Laurent, Ezio Frigerio, Niki de St. Phalle, Bernard Buffet, Erté, César, Vaserely e cosi' via.

IL BALLETTO DI MARSIGLIA. Nel 1972, con il balletto 'Pink Floyd', fonda il 'Ballet National de Marseille', che dirigerà per ventisei anni, sino al 1998. Ha alle spalle oltre 50 creazioni che spaziano attraverso tutti i generi, nate per Zizi, ma anche per un vasta galleria di danzatori internazionali, che vanno da Nurejev e Baryshnikov, per i quali crea rispettivamente 'Paradis perdu' e 'La dame de pique', a Marie-Claude Pietragalla o Alessandra Ferri, lavorando dall'interno della struttura di un balletto a rinnovare continuamente il suo stile e il suo linguaggio, maestro nell'arte del pas de deux di coreografie narrative, di cui è grande esmpio 'Carmen' che fece scandalo per la sua eccessiva sensualità, ma creando anche capolavori puramente formali, astratti, a cominciare nel 1968 da 'Turangalîla', che provocò una piccola rivoluzione all'Opéra de Paris. Era sempre disponibile a raccontare le sue storie e, pensando a tutti i grandi che aveva conosciuto, amava citare i primi versi di una poesia di Paul Fort: 'Se tutti i ragazzi del mondo potessero darsi la mano, faremmo il giro del mondo'''.

CARLA FRACCI: "RESTERA' NEL MIO CUORE".  ''Resterà sempre nel mio cuore. Come per tutti i grandi geni con cui ho avuto la fortuna di lavorare nella mia vita si pensa che non debbano morire mai, che non possano sparire''.Questa la reazione di Carla Fracci alla notizia della morte di Roland Petit che la volle sua partner nel balletto 'Le Loup' quando era ancora una ragazza e con cui è rimasta sempre in contatto. ''I ricordi - ha detto la Fracci - sono tanti. Sono rimasta un po' scossa dalla sua morte, è stata una cosa improvvisa. Era così vitale nella creatività, parlava sempre di lavori da fare''. ''Mi ha scelta - ha raccontato - quando avevo diciassette, diciotto anni a ballare con lui come partner in Le Loup. Poi ci sono state Les demoiselles de la nuit, La chambre, Rhapsodie espagnole, Cheri e tanti altri balletti. Avevamo un feeling. Lui mi amava molto. Ci siamo sempre sentiti, l'ultima volta lo scorso Natale. Il suo unico rammarico era che non fosse stato filmato per la tv francese 'Cheri', ma ci sono stati una serie di contrattempi, anche alla Scala dove era venuta una troupe francese. 'Peccato!' mi diceva sempre Roland quando lo sentivo al telefono. Comunque 'Cheri' è una cosa che rimarrà, forse si rifarà con qualche altra ballerina. Lui ci teneva tanto che restasse un documento''. Petit, ha spiegato la Fracci ''non era una persona facile nel lavoro. Era molto meticoloso, lavorava lentamente. Aveva un carattere particolare e ci sono stati momenti di incomprensione fra noi ma sono state piccole cose. Ha fatto delle cose straordinarie, ha anticipato i tempi''. ''Volevo - ha continuato - invitarlo, quando ero direttore del Corpo di ballo del Teatro dell'Opera, due anni fa. Volevo fare una serata in onore di Roland ma non è stato possibile''. ''Accanto al coreografo John Cranko, Maurice Bejar, George Balanchine, Petit - ha detto - è una delle persone meravigliose che ho avuto la fortuna di conoscere, con cui ho lavorato e di cui sono stata amica. Ho anche abitato nella casa di Cranko e, una notte che era molto triste, ho dormito con lui. Ma i tempi cambiano, ci sono evoluzioni diverse, in altre strade, pero' loro sono stati proprio grandi. E' triste perderli però questa è la vita e non siamo immortali''. Roland Petit ha concluso la Fracci ''ci mancherà molto, molto''.

L'ULTIMA VOLTA SUL PALCO.  La sua ultima apparizione in Italia è stata nello scorso dicembre all'Opera di Roma con 'Serata Roland Petit' a lui dedicata. Al suo fianco, sua moglie, la leggendaria Zizi Jeanmaire, per anni étoile delle sue creazioni. In quell'occasione, al termine dello spettacolo, uscì in scena chiamato a gran voce dai ballerini. Accennò anche un passo di danza e il pubblico esplose in una standing ovation per uno dei protagonisti assoluti della coreografia mondiale dell'epoca.

CON ARTISTI ITALIANI. Petit ha avuto nella sua compagnia di Marsiglia il ballerino (poi anche coreografo), cantante e pianista argentino di origini italiane Rubén Celiberti ed anche molti talenti italiani: da nominare tra gli altri Luigi Bonino, Francesca Natili, Carlotta Zamparo, Francesca Sposi e, come ospiti, Massimo Murru e Alessandra Ferri.

domenica, 10 luglio 2011