25/10/2020

[an error occurred while processing this directive]

Ddl delega fiscale, il governo incassa la terza fiducia

Via libera alla Camera alle prime tre fiducie sul disegno di legge delega per la riforma del sistema fiscale. La terza è stata votata solo da 324 deputati su 630. Stamane prevista la quarta.

Ddl delega fiscale, il governo incassa la terza fiducia

La fiducia alla Camera dei deputati

ROMA - Questa mattina in Aula a Montecitorio è previsto il voto sulla quarta fiducia al ddl delega per la riforma del sistema fiscale. Ieri sera il governo ha incassato le prime tre fiducie. Per la prima fiducia i voti favorevoli sono stati 369, quelli contrari 78 e 14 gli astenuti, mentre per la seconda ci sono stati 355 voti favorevoli, 77 contrari e 14 astensioni. La terza fiducia al Governo è stata votata solo da 324 deputati su 630. Non hanno partecipato al voto 97 deputati del Pdl (il 46,4% del gruppo) e 15 deputati Fli (il 60% del gruppo). Nel Pd 22 assenze (10,7% del gruppo) e otto nell'Udc (21% del gruppo). Dal Pdl sono venuti anche 4 voti contrari (Armosino, Crosetto, Dima, Miserotti) e 8 astensioni (Bergamini, Bocciardo, Castiello, Ciccioli, De Corato, Moles, Tortoli, Vella). Il ddl ha ottenuto l’ok dalla Commissione Finanze della Camera per ridisegnare il sistema tributario, quello del catasto, di evasione e di elusione fiscale. E proprio questi sono i quattro articoli corposi che compongono il testo ora passato al vaglio dell’assemblea di Montecitorio: procedure, revisione dei fabbricati, abuso e revisione del sistema sanzionatorio e, da ultimo, razionalizzazione e riscrittura della tassazione dei redditi di impresa e dei sistemi dei giochi.

venerdì, 12 ottobre 2012