30/09/2020

[an error occurred while processing this directive]

Immigrati nel sottofondo del pullman, 2 morti

L'autobus era su un traghetto, attraccato nel porto di Ancona, proveniente dalla Grecia. Le vittime, immigrati clandestini di nazionalità afghana, sarebbero decedute per il troppo caldo. Altri 4 sono finiti in ospedale.

Immigrati nel sottofondo del pullman, 2 morti

Nave traghetto

ANCONA - Un viaggio allucinante, stipati nel sottofondo appositamente ricavato in un pullman ungherese che trasportava 25 persone: sopra 'normali' viaggiatori, sotto 17 afghani sfiancati dal caldo torrido e disidratati. Due non ce l'hanno fatta e sono morti asfissiati, Altri quattro sono stati ricoverati, in condizioni più o meno gravi. Uno di loro sarebbe in coma. E' successo sulla Superfast 6, arrivata nel pomeriggio nel porto di Ancona dalla Grecia. Sono subito giunte le ambulanze del 118, insieme alla Polmare - cui sono affidate le indagini - e alla Capitaneria di porto, ma per i due migranti, che avevano da quel che si sa solo 27 anni, non c'è stato nulla da fare. I quattro connazionali, colti da malore, sono stati ricoverati nell'ospedale regionale di Torrette. Uno sarebbe più grave degli altri, appunto, con i classici sintomi dell'asfissia. Due ragazzi, in apparenza minorenni, sono stati portati nell'ospedale pediatrico 'Salesi' per essere sottoposti a radiografie delle ossa per stabilire l'età. I due autisti greci dell'autobus saranno arrestati.

AUTOPSIA. Sarà ora l'autopsia a stabilire le cause della morte dei due giovani, ma l'asfissia sembra l'ipotesi più probabile, anche perché sembra che i due fossero i più vicini ai motori. Nelle stesse ore in cui è attraccata la Superfast 6 si stava svolgendo in porto, in occasione della Giornata mondiale del rifugiato, l'iniziativa 'Welcome: porto aperto', promossa dall'Ambasciata dei diritti ''per portare al centro della discussione politica la questione irrisolta dell'accoglienza e della security alla frontiera dorica''. Appena appresa la notizia della morte dei due migranti, una delegazione della onlus ha raggiunto la Superfast con uno striscione con la scritta 'Stop tragedie del mare. Accoglienza per tutti'. Lo scopo e' di fornire assistenza legale agli afghani superstiti. ''Vogliamo che, dopo quello che hanno passato e dopo aver visto morire due di loro, vengano accolti e non respinti'', ha detto una portavoce dell'Ambasciata dei diritti.sabato, 23 giugno 2012