25/05/2019

[an error occurred while processing this directive]

Incontro Putin-Netanyahu: presente anche capo 007 di Israele

Lo rendono noto i media. Una ong aggiorna bilancio del conflitto in Siria: 94.000 vittime, forse 120.000. I profughi registrati in Turchia sono 194.000.

Incontro Putin-Netanyahu: presente anche capo 007 di Israele

Siria

TEL AVIV - All'incontro fra il presidente russo Vladimir Putin e il premier Benyamin Netanyahu era presente anche il capo dell'intelligence militare di Israele (Aman) gen. Aviv Kochavi. Lo ha appreso il quotidiano Haaretz. Kochavi, secondo il giornale, ha aggiornato le controparte russa sulle valutazioni israeliane circa la guerra civile in Siria. Secondo Haaretz Kochavi si sarebbe soffermato in particolare sulla controversa questione del ricorso ad armi chimiche da parte delle forze di Bashar al Assad e sulle forniture di armi sofisticate da parte della Siria agli Hezbollah libanesi.

VITTIME. Sono oltre 94.000 i morti e i dispersi del conflitto siriano, secondo una nuova stima dell'ong Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus). Agli 82.000 uccisi di cui aveva parlato la stessa organizzazione domenica vengono infatti aggiunti 12.500 dispersi rapiti dalle parti in conflitto: 10.000 dalle forze fedeli al regime e 2.500 dai ribelli. Secondo l'ong, inoltre, il numero delle vittime potrebbe essere superiore ai 120.000. Perché "tutte le parti sono reticenti sulle loro perdite negli scontri". L'Ondus precisa che i civili rimasti uccisi sono non meno di 34.473, di cui 4.788 bambini e ragazzi minorenni, i soldati lealisti 16.729, i miliziani filo-regime oltre 12.000, i ribelli 14.763, i disertori 1.924 e le persone non identificate 2.368.

PROFUGHI. Sono ora quasi 194mila i profughi siriani ufficialmente registrati in Turchia, stando ai dati resi noti oggi dalla Direzione gestione disastri ed emergenze (Afad) della presidenza del governo di Ankara. Gli esattamente 193.767 rifugiati registrati ad oggi sono ospitati nei 17 campi allestiti lungo il confine, 5 dei quali nella provincia di Hatay colpita sabato a Reyhanli da un attentato che ha fatto 51 morti e più di 100 feriti, provocando tensioni fra la popolazione locale e i profughi siriani. Altri 100mila circa siriani si trovano in Turchia al di fuori delle strutture di accoglienza dell'Afad.martedì, 14 maggio 2013