08/12/2021

[an error occurred while processing this directive]

Il Papa riceve gli inquirenti, 6 o 7 agosto si chiude istruttoria

Benedetto XVI ha ricevuto, nella residenza di Castelgandolfo, la commissione cardinalizia incaricata di far luce sul furto di documenti riservati dall'appartamento pontificio. La sentenza di rinvio a giudizio di Paolo Gabriele, il maggiordomo infedele del papa, sarà resa pubblica il 6 o 7 agosto.

Il Papa riceve gli inquirenti, 6 o 7 agosto si chiude istruttoria

Città del Vaticano

CITTA' DEL VATICANO - La magistratura vaticana deciderà all'inizio della settimana del 6-12 agosto il proscioglimento o il più probabile rinvio a giudizio del maggiordomo del Papa, Paolo Gabriele, accusato di furto aggravato di documenti riservati del Pontefice nel cosiddetto caso Vatileaks. Lo ha reso noto il portavoce vaticano Federico Lombardi.

IL PAPA RICEVE I MAGISTRATI. Ieri, intanto, a Castel Gandolfo Benedetto XVI ha ricevuto la commissione cardinalizia incaricata di un'inchiesta parallela a quella della magistratura in un'udienza alla quale hanno preso parte anche i magistrati vaticani, il segretario personale Georg Gaenswein, il sostituto della segreteria di Stato Angelo Becciu, il comandante della gendarmeria DOmenico Giani e l'advisor per la comunicazione della segreteria di Stato Greg Burke. Il Papa "è stato informato sulle conclusioni in merito alle quali è pervenuta la commissione cardinalizia e sullo stato di avanzamento della procedura in corso. Egli ha ringraziato per le informazioni ricevute ed ha inviato la magistratua a proseguire con solerzia", si legge in un comunicato. Padre Lombari ha precisato di prevedere che la requisitoria del promotore di giustizia Nicola Picardi e la sentenza di fine istruttoria Piero Antonio Bonnet saranno illustrate alla stampa a inizio della settimana del 6-12 agosto.

venerdì, 27 luglio 2012