25/10/2020

[an error occurred while processing this directive]

Manganelli, fra i poliziotti più pagati del mondo

Manganelli, fra i poliziotti più pagati del mondo

Antonio Manganelli

ROMA - Con i suoi 621.253,75 euro annui, non c'è capo della Polizia più pagato di quello italiano, il prefetto Antonio Manganelli: il dato emerge da una comparazione degli stipendi dei responsabili delle principali polizie europee e dell'Fbi. Ecco un quadro della situazione negli altri Paesi:

FRANCIA. Il capo della Polizia, attualmente Frederic Pechenard, ha "esattamente lo stesso stipendio degli altri prefetti, intorno ai 6mila-7mila euro al mese", spiegano fonti del ministero dell'Interno a Parigi, precisando che si tratta di un trattamento economico "da funzionario pubblico, rigidamente regolamentato da una griglia salariale".

GRAN BRETAGNA. Bernard Hogan-Howe, attuale capo della Metropolitan Police, ovvero la polizia di Londra comunemente chiamata Scotland Yard, ha uno stipendio annuo di circa 253mila sterline (poco meno di 300mila euro).

GERMANIA. Secondo il tariffario valido dal gennaio del 2012, ai capi della Polizia nazionale spettano 9.668,56 euro mensili, cui si aggiungono 120 euro se sposati, 222 euro per il primo figlio a carico, 102 per il secondo e 320 a partire dal terzo. Alla guida della Polizia federale tedesca è ora Matthias Seeger, sposato e padre di due figli.

SPAGNA. Lo stipendio base del direttore generale della Polizia, che dal gennaio scorso è Ignacio Cosidò Gutierrez, è equiparato a quello di un sottosegretario, 71mila euro all'anno.

USA. Lo stipendio base del capo dell'Fbi è pari a 155mila dollari (intorno ai 116mila euro). A questi vanno aggiunte delle compensazioni sulla base del pericolo dell'incarico o del livello di responsabilità che varia tra il 12,5 e il 28% dello stipendio iniziale. In quanto dipendente pubblico, il suo stipendio è fissato negli Stati Uniti da un'agenzia federale, la U.S. Government's Office of Personnel Management (Opm), che stabilisce le retribuzioni di tutti gli statali.

giovedì, 23 febbraio 2012