11/12/2018

[an error occurred while processing this directive]

L'Onu revoca alla figlia di Gheddafi il titolo di ambasciatrice

Oggi le autorità maltesi avrebbero negato l'autorizzazione all'atterraggio all'aereo su cui stava a bordo. Successivamente la stessa ha smentito la notizia in tv.

L'Onu revoca alla figlia di Gheddafi il titolo di ambasciatrice

Manifestanti a Tripoli

NEW YORK (USA) - L'Onu ha revocato l'incarico di ambasciatrice di buona volonta' alla figlia di Muammar Gheddafi, Aishaa. Lo ha indicato un portavoce del Palazzo di Vetro. Aisha Gheddafi aveva ottenuto il 'titolo' per parlare della violenza contro le donne e dell'aids in Libia, ha indicato alla stampa il portavoce delle Nazioni Unite, Martin Nesirky. "A seguito dei recenti eventi, l'Unpd ha messo fine all'accordo con la signora Gheddafi ai sensi dell'articolo 30 delle norme dell'Onu sulla designazione degli ambasciatori di buona volontà e di messaggeri della pace", ha aggiunto.

GIALLO. Aisha in un'intervista a una tv nazionale oggi ha smentito la notizia secondo cui le autorità maltesi avrebbero negato l'autorizzazione all'atterraggio all'aereo della Libyan Airlines su cui era a bordo. L'aereo sarebbe quindi tornato in Libia. Il ministro degli Esteri maltese, però, ha smentito che ci fosse la figlia di Gheddafi a bordo dell'aereo. Questa mattina, invece, il Libano ha rifiutato l'autorizzazione all'atterraggio a un aereo privato libico, con a bordo la moglie di uno dei figli di Muammar Gheddafi, Hannibal: lo hanno reso noto fonti della sicurezza di Beirut.
mercoledì, 23 febbraio 2011Aggiornato:mercoledì, 23 febbraio 2011, 23:08