21/07/2019

[an error occurred while processing this directive]

Proteste in tutta Europa contro Acta, il trattato anti pirateria

Migliaia di persone hanno sfidato il freddo per manifestare conto l’accordo per uniformare le legislazioni sul copyright. Per i manifestanti una minaccia alla libertà di espressione su internet.

Proteste in tutta Europa contro Acta, il trattato anti pirateria

La protesta no Acta

BERLINO - Migliaia di persone hanno sfidato il freddo e sono scese per strada a protestare in diversi Paesi europei per la giornata di mobilitazione internazionale contro il trattato Acta (Anti-Counterfeiting Trade Agreement). Si tratta di un accordo siglato a gennaio fra oltre 40 Paesi per proteggere la proprietà intellettuale, anche su internet, uniformando le legislazioni sul copyright. A opporsi all'intesa, la cui ratifica è stata sospesa in diversi Stati Ue, sono soprattutto i giovani, convinti che sia una minaccia alla libertà di espressione online.

LlTUANIA, POLONIA, GERMANIA. Centinaia di persone hanno manifestato oggi davanti al palazzo del governo a Vilnius, la capitale della Lituania, portando cartelli con la scritta 'Stop Acta'. Decine in piazza anche a Varsavia, in Polonia, dove il 3 febbraio il premier Donald Tusk ha sospeso la ratifica a seguito delle proteste. In GermaniA 150mila dimostranti si sono radunati in centro a Berlino con del nastro adesivo sulla bocca e con le maschere di Guy Fawkes, ma migliaia hanno protestato anche a Monaco di Baviera, Francoforte, Norimberga e Augusta. A Sofia, la capitale della Bulgaria, hanno sfilato in 5mila. Centinaia anche nel centro storico di Praga e a Brno, la seconda città più grande della Repubblica Ceca. Acta è stato firmato fino a ora da un totale di 31 Paesi, 22 dei quali dell'Ue. La Germania ha preso tempo rimandando la firma dell'accordo.sabato, 11 febbraio 2012