22/09/2019

[an error occurred while processing this directive]

La "Rete-ombra": il piano di Obama contro i dittatori

Si lavora alla creazione di una "rete parallela" per i dissidenti per aggirare la censura dei regimi dittatoriali. Il progetto, voluto dal capo della Casa Bianca, si chiamerà "Shadow-Internet".

La "Rete-ombra": il piano di Obama contro i dittatori

Internet-Shadow

WASHINGTON - "E' una banale valigetta con dentro computer portatili e telefonini capace di by-passare i server Internet, attivare reti di comunicazione parallele, che resistono ad ogni blackout di regime e censura di Stato. È un progetto che nasce con l'avallo autorevole del presidente degli Usa, Barack Obama ed è stata chiamata "Operazione Internet invisibile o anche "Rete Ombra". A rivelare la notizia il New York Times. Al progetto starebbero lavorando un gruppo di giovani esperti che si auto-definisce "movimento delle tecnologie alternative". Ma sarà finanziato anche dal Dipartimento di Stato americano con una sovvenzione di 2 milioni dollari. La valigetta permetterebbe di consentire la comunicazione wireless su una vasta area con un collegamento a Internet a livello mondiale. Consentirebbe agli attivisti di comunicare tra loro bypassando il controllo dei regimi di paesi come l'Iran, la Siria e la Libia.

GLI USA ALLEATI CON I DISSIDENTI. Di recente, Washington ha sostenuto lo sviluppo di software che conservassero l'anonimato degli utenti in paesi come la Cina, e si è impegnata a insegnarne l'utilizzo a coloro che erano intenzionati a far passare le informazioni sul Web, (di proprietà dei diversi governi) senza essere scoperti. Shadow-Internet però è qualcosa di assolutamente nuovo: si tratta di voler creare un vero e proprio canale di comunicazione alternativo a quello ufficiale. Per farlo ha messo insieme una squadra molto variegata composta da diplomatici, ingegneri militari, giovani programmatori e dissidenti provenienti da una dozzina di paesi differenti. Tutto ciò ha poi trovato una ferma sostenitrice nella Segretaria di Stato, Hillary Clinton il cui dipartimento sta guidando i diversi progetti americani. "Sempre più persone, in tutto il mondo, tramite Internet, cellulari e altre tecnologie vogliono far sentire la loro voce per protestare contro l'ingiustizia e realizzare le proprie aspirazioni", ha detto Clinton in una risposta via e-mail sul tema. "Questo cambiamento positivo è un'opportunità storica di cambiamento che l'America sostiene".

 

lunedì, 13 giugno 2011