28/02/2020

[an error occurred while processing this directive]

Camorra. Arrestato boss evaso da clinica, uccise fingendosi carabiniere

Si tratta di Carmine Izzo, 40 anni. Era evaso a luglio da una clinica dove era ricoverato per disturbi psichici. Izzo era stato condannato a 30 anni per omicidio.

Camorra. Arrestato boss evaso da clinica, uccise fingendosi carabiniere

Carabinieri

NAPOLI - E' stato arrestato a Boscoreale, in provincia di Napoli, il latitante Carmine Izzo ritenuto un esponente di spicco del clan Aquino-Annunziata. A scoprire dove si nascondeva, i carabinieri del nucleo investigativo di Castello di Cisterna, coadiuvati nella fase esecutiva da colleghi del reparto anticrimine di Napoli. Lì'uomo ha quarant'anni ed era soprannominato 'Carmine 'o piccolino'. L'arresto è avvenuto dopo lunghe ricerche attuate con servizi d'osservazione, controllo e pedinamento. 

TENTATIVO DI FUGA. Mentre i carabinieri stavano per arrestarlo, ha tentato di fuggire fuggire a bordo di una Ford Fiesta. Izzo ha effettuato un testa coda, tamponando un'auto dei carabinieri che che lo stava per bloccare, cercando di far perdere il controllo all'autista della macchina che lo stava inseguendo. Nonostante il tentativo di fuga, l'uomo è stato però bloccato ed arrestato.

UCCISE FINGENDOSI CARABINIERE. Dopo una condanna definitiva a 30 anni di reclusione per omicidio, soppressione di cadavere, traffico internazionale di stupefacenti e detenzione illegale d'armi, emessa dalla Corte d'Assise d'Appello di Salerno nel maggio 2009, Carmine Izzo, dichiarato sofferente di 'psicosi delirante cronica' e di 'psicosi schizofrenica', era evaso con l'aiuto di due fratelli il 23 luglio scorso dalla clinica Villa Elisa di Casamarciano dove era agli arresti. Izzo è stato riotenuto l'autore dell'omicidio di Maurizio D'Elia, un pregiudicato di Scafati, detto 'o criminale', torturato e poi ucciso a Olevano sul Tusciano (Salerno) il 12 marzo del 2002. Carmine iIzo agì in concorso con il collaboratore di giustizia Salvatore Izzo, detto 'Umberto o' lustrascarpe'. I due,entrambi arrestati nel novembre del 2007, per poco più di 5 mila euro e su ordine di Biagio Giffoni (capo dell'omonimo sodalizio operante nella piana del Sele), la sera del 12 marzo 2002, assieme a una terza persona, si recarono in un circolo ricreativo di Macchia di Montecorvino Rovella, dove, fingendosi carabinieri, bloccarono alcuni giovani presenti simulando un'operazione di polizia, per poi prelevare tra questi Maurizio D'Elia che era la vittima designata. Quest'ultimo fu portato in una zona isolata di Olevano dove fu selvaggiamente picchiato, interrogato sotto tortura e infine ucciso dagli uomini di Giffoni, tra cui Carmine Izzo. L'omicidio fu inquadrato nella faida tra il clan 'Pecoraro' di Bellizzi e il clan "Giffoni" di Eboli, in contrapposizione per il controllo del noleggio dei videopoker nella piana del Sele. D'Elia, infatti, era indicato a sua volta quale autore dell'agguato mortale in cui fu ucciso la sera del 4 novembre 2001 Giuseppe Esposito, detto "Peppe o' ribott", capozona di Pontecagnano per conto del clan Pecoraro.



domenica, 30 ottobre 2011