16/06/2019

[an error occurred while processing this directive]

E' morto Vittorio Citterich,
volto storico della Rai

Il giornalista, conduttore e vicedirettore del Tg1 e corrispondente da Mosca negli anni della guerra fredda, si è spento a Roma a 81 anni. Era da tempo malato. Il cordoglio di Zavoli, Schifani e Vespa.

» Segnala ad un amico
E&#39; morto Vittorio Citterich, <br>
volto storico della Rai

Vittorio Citterich

ROMA - E' morto ieri sera a Roma, all'età di 81 anni, il giornalista Vittorio Citterich, volto storico della Rai, ex conduttore e vicedirettore del Tg1 e, in precedenza, corrispondente da Mosca negli anni della guerra fredda. Aveva guidato anche la struttura Rai Giubileo.

ERA DA TEMPO MALATO. Citterich, nato a Salonicco nel 1930, era da tempo malato. La sua ultima uscita pubblicanell'ottobre 2008 con la partecipazione all'evento televisivo "La Bibbia giorno e notte" nella basilica romana di Santa Croce in Gerusalemme. I funerali, per sua volontà, si svolgeranno in forma privata.

ZAVOLI "LA RAI GLI DEVE UN RICORDO GRATO". "Citterich, un protagonista della 'scuola' di Bernabei e del 'magistero' di La Pira, è stato un autorevole intellettuale, cattolico rispettoso della laicità. Inviato, corrispondente, vicedirettore ha dedicato al Servizio pubblico un esemplare impegno culturale e professionale. La Rai gli deve un ricordo grato". Cosi' Sergio Zavoli, presidente della Commissione parlamentare per l'indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi.

SCHIFANI: LO RICORDIAMO PER IMPEGNO E RIGORE. "Appresa la notizia della scomparsa di Vittorio Citterich, desidero esprimere, a nome mio personale e dei colleghi senatori, i sentimenti del più sincero e commosso cordoglio. Volto storico del giornalismo, lo ricordiamo per l'impegno e il rigore con cui ha saputo raccontare agli italiani importanti vicende del nostro tempo, in particolare i difficili anni della guerra fredda e i cruciali passaggi che hanno interessato la vita della Chiesa cattolica negli ultimi decenni". Così il presidente del Senato, Renato Schifani, nel messaggio di cordoglio alla famiglia del giornalista Vittorio Citterich.

VESPA: "ONORATO DI AVER MONTATO SUOI SERVIZI DA MOSCA". "Vittorio Citterich è stato un grande signore del giornalismo. Sono onorato di aver montato, all'inizio della mia attività al telegiornale, i suoi servizi da Mosca". Bruno Vespa commenta così la scomparsa del giornalista. "Abbiamo collaborato molto da vicino per tanti anni, il suo equilibrio la sua intellligenza professionale sono di esempio".

mercoledì, 03 agosto 2011