13/04/2021

[an error occurred while processing this directive]

Monti: riequlibrio del sistema impositivo

Il governo conferma provvedimenti diretti "al riequilibrio del sistema impositivo" e "al graduale spostamento dell'asse del prelievo dalle imposte dirette a quelle indirette". Lo si scrive il premier nell'Atto di indirizzo sulla politica fiscale.

Monti: riequlibrio del sistema impositivo

Il premier Monti

ROMA - Il governo conferma nell'ambito dell'attuazione della riforma fiscale provvedimenti diretti "al riequilibrio del sistema impositivo" e "al graduale spostamento dell'asse del prelievo dalle imposte dirette a quelle indirette".  E' quanto si legge nell'atto di indirizzo per il conseguimento degli obiettivi di politica fiscale per gli anni 2012-2014 firmato dal premier Mario Monti e ministro dell'Economia. Nell'ambito del processo di attuazione della riforma fiscale "saranno predisposti provvedimenti normativi diretti al riequilibrio anche relativamente alla tassazione dei redditi finanziari, nonchè alla riduzione degli effetti distorsivi delle scelte degli operatori economici". Nello stesso atto, il premier sostiene che la riforma fiscale avrà tra gli obiettivi "la riduzione degli effetti distorsivi delle scelte degli operatori economici".

LOTTA EVASIONE.
Nella lotta all'evasione "particolare impegno sarà orientato all'analisi della normativa vigente di contrasto all'utilizzazione dei paradisi fiscali al fine di individuare misure specifiche, sula base della normativa comunitaria e degli strumenti di diritto internazionale, atte a contrastare questi fenomeni".

P.A., PUNTARE A VALORIZZARE IL MERITO. "Al fine di perseguire la modernizzazione della pubblica amministrazione, il dipartimento punterà alla valorizzazione del merito" scrive il presidente del Consiglio.

ITALIA NON PIU' CENERENTOLA UE. In un'intervista pubblicata dal quotidiano portoghese "Publico" Monti ha precisato: "L'Italia era ridotta a un ruolo di Cenerentola" nell'Unione europea, ma ora intende ridiventare un attore centrale del dibattito. Poi assicura che il nostro Paese non avrà bisogno di un "appoggio finanziario".

mercoledì, 29 febbraio 2012