23/11/2014

Borghezio: le idee di Breivik "condivisibili". La Lega si dissocia

E' polemica sulle dichiarazioni dell'europarlamentare a radio 24. Calderoli e Maroni chiedono scusa alla Norvegia

Borghezio: le idee di Breivik "condivisibili". La Lega si dissocia

Mario Borghezio

ROMA - Le idee di Breivik, il killer biondo autore della strage in Norvegia? "Condivisibili". E' polemica per le parole choc dell'eurodeputato leghista Mario Borghezio, dette durante la trasmissione "La Zanzara": "sostenere la necessità di una crociata è sacrosanto", dice il politico. Ma la Lega non ci sta, così, in giornata arrivano parole di condanna.

LE DICHIARAZIONI. Per Borghezio sono "buone alcune delle idee espresse" da Breivik "al netto della violenza, in qualche caso ottime". "Certo", insiste il leghista. "L'opposizione all'islam - continua - l'accusa all'Europa di essersi già arresa prima di combattere, sono cose che pensiamo in molti". Per Borghezio, che nel 2005 è stato condannato in via definitiva per l'incendio, nell'ambito di una ronda padana del luglio 2000, delle masserizie di alcuni immigrati che dormivano sotto un ponte a Torino, Breivik è "magari in buona fede". "Ho paura - spiega - che questo personaggio sicuramente esaltato sia stato strumentalizzato".

LE SCUSE DELLA LEGA. La Lega Nord ha chiesto ufficialmente scusa per le parole di Borghezio: lo Stato, "già così duramente colpito dai folli
attentati di venerdì scorso, e soprattutto ai familiari delle vittime, per le terribili e inqualificabili considerazioni espresse a titolo personale dall' Mario Borghezio" - dice Roberto Calderoli, "considerazioni che ho già definito come farneticazioni e che ribadisco essere tali''. A dissociarsi non è solo il ministro per la Semplificazione Normativa e Coordinatore delle Segreterie Nazionali della Lega Nord. Arrivano le scuse anche dal ministro Maroni ("Condivido in pieno le considerazioni fatte da Calderoli") e dai senatori della Lega, in una nota congiunta.

martedì, 26 luglio 2011