02/06/2020

[an error occurred while processing this directive]

Gaza, raid di hamas in sedi tv straniere

Picchiati alcuni operatori di Reuters Tv e Associated press, sequestrate attrezzature. A Eshkol due israeliani feriti lievi per razzi lanciati da miliziani palestinesi.

Gaza, raid di hamas in sedi tv straniere

Gaza, attacco israeliano

GAZA CITY - Miliziani di Hamas, la fazione islamico-radicale palestinese al potere nella Striscia di Gaza, hanno fatto irruzione oggi nelle sedi della Reuters tv e di un altro service che fornisce video a media internazionali, picchiando alcuni dipendenti e sequestrando diverse telecamere. Nel primo episodio una cameraman palestinese ha riportato una probabile frattura a un braccio, nella seconda azione un operatore che lavora a contratto per l'Ap ha subito percosse e contusioni. Le due aggressioni, condannate dalle associazioni della stampa locale e dei corrispondenti esteri in Israele, rientrano fra le azioni repressive intraprese da Hamas negli ultimi giorni, dopo una serie di raduni indipendenti organizzati da gruppi di giovani a Gaza per sollecitare la fine delle divisioni fra le fazioni palestinesi rivali e la riconciliazione interna. Raduni dispersi regolarmente con l'uso della forza pubblica, ma seguiti finora con attenzione dai media presenti nella Striscia.

RAID ISRAELIANO. Negli ultimi giorni, intanto, sono ripresi gli scontri nell’area e oggi miliziani palestinesi hanno lanciato 50 razzi verso il sud di Israele, causando due feriti lievi a Eshkol, un villaggio vicino alla frontiera. L'attacco, rivendicato dalle Brigate Ezzedine Qassam, braccio armato di Hamas, ha fatto scattare un raid di rappresaglia dell'aviazione israeliana contro quattro obiettivi. Cinque palestinesi sono rimasti feriti a Zeitoun, quartiere alla periferia di Gaza. Un carro armato israeliano ha distrutto una casa disabitata nel sud-est della Striscia, da dove erano stati lanciati i razzi.

sabato, 19 marzo 2011