17/12/2017

Turismo: boom di stranieri

ltre 24 milioni di italiani in vacanza. Il ministro Brambilla soddisfatto perché il settore cresce a dispetto della crisi.

Turismo: boom di stranieri

Michela Vittoria Brambilla

ROMA - La crisi economica pare aver risparmiato il turismo che si conferma come l'unica attività produttiva che continua a crescere. Il primo semestre del 2001 ha fatto registrare un boom di turisti stranieri, oltre 24 milioni di italiani, nonostante i bilanci familiari risicati, sono andati quest'estate in vacanza e gli occupati nel settore sono aumentati (circa 2.200 mila senza considerare l'indotto) e, secondo le proiezioni, continueranno a farlo. E' un quadro decisamente positivo quello tracciato stamani dal ministro del Turismo, Michela Brambilla, che, in una conferenza stampa a Palazzo Chigi, ha tirato, con soddisfazione, qualche somma facendo notare che all'appello mancano peraltro i vacanzieri di settembre, ''mese che si preannuncia importante sia per il clima favorevole sia perché gli italiani hanno imparato a distribuire le ferie non più solo nel canonico agosto''.

BOOM DI STRANIERI. I turisti provenienti dall'estero sono aumentati nel primo semestre dell'anno del 6,6% e la loro spesa è cresciuta del 7,3% (7,37 miliardi di euro). Quanto alla classifica dei Paesi di provenienza, quelli che, indipendentemente dal loro apporto in valore assoluto, hanno fatto registrare il maggior aumento percentuale sono Cina (+ 86 per cento), Messico (+84,8) e Australia (38,3). Notevole l'aumento di turisti dal Brasile (+22,1), dalla Russia (+20,6) e dagli Stati Uniti (+14,3). ''Risultati che - ha commentato il ministro - premiano il nostro impegno sul fronte della promozione e della commercializzazione del brand Italia''.

NIENTE VACANZE. Gli italiani che si sono concessi almeno un periodo di vacanza quest'estate sono stati 24,5 milioni. La spesa media è aumentata dai 662 euro del 2010 a 743 e l'80,9% dei viaggi ha avuto come meta una località italiana. Il mese di agosto è stato comunque protagonista (+1,1 milioni) e in grande espansione si è rivelato il turismo con animali domestici, +31,9% rispetto allo scorso anno.

TURISMO VERDE. Il turismo verde, a misura di famiglia e di portafoglio, ha spopolato quest'estate. Da segnalare, in particolare, la performance estiva dei prodotti laghi e fiumi (+9,6% a luglio, +8,3% ad agosto) e, soprattutto, del turismo naturale-faunistico: le vendite per queste tipologie di destinazioni hanno registrato la maggiore crescita di prodotto con un +11% a luglio e +13% ad agosto. Risultano invece sostanzialmente stabili i prodotti balneare (pari al 38,4% del turismo totale, con un'inversione di tendenza rispetto alle poco esaltanti performance dello scorso anno) e città d'arte (secondo posto con un peso costante del 28,2%).mercoledì, 21 settembre 2011