16/12/2017

Cannes, accoglienza fredda per Gatsby

Stampa perplessa al termine della proiezione del film di Baz Luhrmann, Il Grande Gatsby, che ha aperto la 66esima edizione del Festival. Speranze italiane su Sorrentino e su La grande bellezza.

» Segnala ad un amico
Cannes, accoglienza fredda per Gatsby

Leonardo DiCaprio

CANNES - Accoglienza fredda alla prima proiezione stampa dell'atteso film di Baz Luhrmann, Il Grande Gatsby, che ha aperto questa 66esima edizione del Festival di Cannes. Il lungometraggio, quarta trasposizione cinematografica dell'omonimo romanzo di Francis Scott Fitzgerald racconta la storia misteriosa di Gatsby (Leonardo DiCaprio), un uomo diventato ricco anche per riconquistare un suo vecchio amore. Il film, già uscito in America (una novità che a Cannes ci sia un'apertura che non sia anche anteprima mondiale) e già criticato, ha incassato finora 51milioni di dollari. Nel cast anche Carey Mulligan, Tobey Maguire, Joel Edgerton, Isla Fisher e Jason Clarke, tutte star sfilate sul più raffinato red carpet cinematografico e ospiti del party inaugurale sul tema dell'età del jazz e degli anni Venti.  

LA GIURIA. Madrina dell'edizione è l'attrice francese Audrey Tautou, che ha posato per i fotografi con un abito bianco decorato con margherite gialle e sullo sfondo la città vecchia di Cannes. Giuria di grande prestigio: presidente è Steven Spielberg e Nicole Kidman e Ang Lee sono solo alcuni dei nomi. Sul tappeto rosso, secondo quanto si apprende, è atteso anche il ministro italiano dei Beni culturali e turismo Bray, che poi volerà a Torino per aprire il Salone del libro, domani. Ma non è detto che Bray non torni a Cannes il 21 maggio per la proiezione dell'unico film italiano in concorso, La grande bellezza di Paolo Sorrentino.
mercoledì, 15 maggio 2013