13/11/2019

[an error occurred while processing this directive]

Ecco perchè Sabrina deve rimanere in carcere

Qui di seguito le motivazioni depositate dal Tribunale del Riesame di Taranto. Movente dell'uccisione di Sarah l'osessione per Ivano. Per i giudici Sabrina mise in atto "uno scaltro depistaggio". Deve rimanere in carcere perché può inquinare le prove, fuggire o commettere altri delitti.

Ecco perchè Sabrina deve rimanere in carcere

Sabrina Misseri

Leggi l'ordinanza - prima parte

Leggi l'ordinanza - seconda parte

Leggi l'ordinanza - terza parte

Leggi l'ordinanza - quarta parte

Leggi l'ordinanza - quinta parte

Leggi l'ordinanza - sesta parte

Leggi l'ordinanza - settima parte

Leggi l'ordinanza - ottava parte

Leggi l'ordinanza - nona parte

Leggi l'ordinanza - decima parte

Leggi l'ordinanza - undicesima parte 

TARANTO - Sabrina potrebbe uccidere ancora. Per questo deve rimanere in carcere. Attese per giovedì, sono arrivate invece oggi le motivazioni per cui i giudici del Riesame di Taranto hanno rigettato la richiesta di scarcerazione avanzata da Sabrina Misseri. In realtà a carico di Sabrina Misseri i magistrati hanno ravvisato tutte le esigenze cautelari che ne giustificano la permanenza in carcere: il "concreto pericolo di fuga", il rischio di inquinamento delle prove e quello che la giovane ''commetta delitti della stessa specie per cui si procede".

RISCHIO INQUINAMENTO PROVE.
Quanto al rischio di inquinamento delle prove che, si legge nel provvedimento, "è innegabile e agevolmente desumibile dall'attività, complessa e multilivello, di depistaggio già abilmente e scaltramente posta in essere dalla Misseri sin dai primi minuti susseguenti al delitto".

IL MOVENTE. Il Tribunale del Riesame, ripercorrendo gli atti investigativi, ha sostenuto che Michele Misseri è credibile anche perchè il solo movente dell'uccisione di Sarah è quello della gelosia che Sabrina nutriva per Ivano Russo, il cuoco che temeva di perdere proprio a causa della cugina 15enne. I giudici hanno quindi scartato il  movente sessuale, "ovviamente riconducibile alla sola persona di Michele Misseri il quale ha escluso che la figlia fosse venuta a
conoscenza dell'episodio, unico, in cui aveva toccato i glutei della nipote".

lunedì, 22 novembre 2010