19/09/2021

[an error occurred while processing this directive]

L'Ungheria approva una nuova costituzione ultraconservatrice

Tra i nuovi punti discussi, il riferimento a Dio e Cristianesimo come "elementi unificanti" e l'identificazione della "nazione politica" con quella "etnica". La carta approvata con i voti del centro destra guidato dal premier Viktor Orban.

L'Ungheria approva una nuova costituzione ultraconservatrice

La Costituzione ungherese

BUDAPEST (Ungheria) - Il riferimento a Dio e al Cristianesimo, la proibizione dell'aborto, l'identificazione della nazione politica con quella etnica. Questi i principali punti della nuova Costituzione ungherese, approvata in Parlamento con i voti del partito del premier Viktor Orban. Sono 262 i sì alla nuova carta ungherese, 44 i no e una astensione, mentre i socialisti e i liberali di Lmp non hanno preso parte al voto.

LA NUOVA COSTITUZIONE. La nuova Carta ha un carattere fortemente conservatore, autoritario e nazionalistico. Nel preambolo c'è il riferimento a Dio e Cristianesimo come ''elementi unificanti'' della nazione. La ''nazione politica'' viene poi identificata con la ''nazione etnica'', l'anticamera per la discriminazione delle minoranze non magiare che vivono nel Paese. Previsto poi il diritto di voto anche per gli ungheresi che vivono nei Paesi vicini, con il rischio, prevedono gli analisti, di creare attriti con Slovacchia e Romania, dove vivono forti minoranze magiare.

ABORTO. Il testo apre poi porta alla proibizione per legge dell'aborto, prevedendo che ''la vita del feto sia protetta dal momento del concepimento''. Vengono ristrette le competenze della Corte costituzionale, escludendo i campi economico e sociale, ed estesa l'influenza del potere esecutivo sul giudiziario, l'ultimo potere dello stato che fino a oggi era ancora indipendente. 

lunedì, 18 aprile 2011 Aggiornato: lunedì, 18 aprile 2011, 16:44