28/01/2021

[an error occurred while processing this directive]

Muore a 101 anni e e lascia 2 milioni alla vicina

È successo con una signora padovana residente a Roma: la vicina si era presa cura per anni del cagnolino trovatello.

Muore a 101 anni e e lascia 2 milioni alla vicina

Ereditiera grazie a un barboncino

ROMA - L'amore per gli animali è sempre ripagato: muore a 101 anni senza eredi e lascia 2 milioni di euro tramite testamento alla vicina di casa, perchè la donna che si è presa cura del suo cane, Lucky. La storia si svolge a Roma, come raccontano gli avvocati Anna Orecchioni e Giacinto Canzona che curano gli interessi della gentile vicina. 

NATA A PADOVA, LA SIGNORA VIVEVA A ROMA DA 25 ANNI. Carolina G., nasce a Padova nel 1909, e, dopo una vita passata accanto al marito Mario D., di quattro anni più grande, rimane vedova nel 1985, dopo essersi trasferita a Roma nel quartiere Trastevere. Proveniente da una famiglia molto possidente e sposata con un uomo d'affari si è ritrovata ad ereditare, dopo la morte del consorte, un patrimonio, tra beni immobili e diversi conti correnti, stimabile attorno ai due milioni di euro. In una vita senza figli e senza parenti prossimi, soprattutto dopo la scomparsa del marito, le è stata di grande conforto il suo Lucky, un barboncino trovatello che le ha sempre tenuto compagnia, e la sua vicina di casa Marina, romana, 68 anni.

LA SCOPERTA DEL TESTAMENTO FATTO NEL 2004.L'8 dicembre la signora è morta a 101 anni, non avendo parenti, il Tribunale di Roma ha aperto un procedimento di curatela dell'eredità giacente con il rischio che quell'ingente patrimonio fosse assegnato allo Stato. Finché - spiegano i legali - nel gennaio 2011 è venuto fuori il testamento olografo redatto dalla signora Carolina il 12 agosto 2004 nel quale nomina erede la sua vicina di casa Marina. Così, quest'ultima farà valere davanti al Tribunale i diritti vantati in base al testamento prima che i beni della defunta vengano assegnati allo Stato. Intanto Marina continua a prendersi cura di Lucky lasciatogli anche lui in "eredità".

giovedì, 03 febbraio 2011