13/12/2017

Cannes, Sorrentino in concorso. E' la quinta volta

Il regista italiano in concorso con il film 'La grande bellezza'. Sorrentino: "E' un grande riconoscimento". Esordio alla regia di Valeria Golino con "Miele" nella sezione Un Certain Regard. L'attrice: "Sono fiera di essere tra i grandi artisti". Il Festival di Cannes dal 15 al 26 maggio.

Cannes, Sorrentino in concorso. E' la quinta volta

Il film di Sorrentino

CANNES - "La grande bellezza" di Paolo Sorrentino sarà l'unico film italiano in concorso al prossimo Festival di Cannes che si terrà dal 15 al 26 maggio. "Ringrazio il festival per l'invito e l'attenzione con cui segue il mio lavoro sin dagli esordi - ha detto il regista napoletano, classe 1970 -. Essere selezionati tra migliaia di film è già un grande riconoscimento. Andarci per la quinta volta di seguito una responsabilità e un onore che condivido con tutta la troupe. Uomini e donne appassionati che mi hanno consentito di trasformare in un film quella che per me era una fantasia". Esordio alla regia per Valeria Golino che sarà a Canne con il film 'Miele', selezionato nella sezione Un Certain Regard. ''Sono felice e contenta - ha commentato la Golino - . Sono anche fiera di essere nello stesso festival con altri film italiani fatti da grandi amici che sono anche grandi artisti''.  ''Portiamo in uno dei Festival più prestigiosi del mondo un'opera prima di grande forza e intensita' - afferma Paolo Del Brocco, amministratore delegato di Rai Cinema -. Valeria Golino, con un'ottima regia, racconta una storia che colpisce e non lascera' nessuno nell'indifferenza''.

IN CONCORSO ANCHE SODERBERGH, POLANSKI E REFN. In concorso al Festival di Cannes ci sono tra gli altri anche Steven Soderbergh con "Behind the candelabra", Roman Polanski con "La Venus à la Fourrure", Nicolas Winding Refn con "Only God forgives" , Alex van Warmerdam con "Borgman"

IL FILM DI SORRENTINO. Ideato e scritto dallo stesso Sorrentino con Umberto Contarello, il film "La grande bellezza"  è ambientato e interamente girato a Roma. Dame dell'alta società, parvenu, politici, criminali d'alto bordo, giornalisti, attori, nobili decaduti, alti prelati, artisti e intellettuali veri o presunti tessono trame di rapporti inconsistenti, fagocitati in una babilonia disperata che si agita nei palazzi antichi, le ville sterminate, le terrazze più belle della città. Ci sono dentro tutti. E non ci fanno una bella figura. Jep Gambardella, 65 anni, scrittore e giornalista, dolente e disincantato, gli occhi perennemente annacquati di gin tonic, assiste a questa sfilata di un'umanità vacua e disfatta, potente e deprimente. Tutta la fatica della vita, travestita da capzioso, distratto divertimento. Un'atonia morale da far venire le vertigini. E li' dietro, Roma, in estate. Bellissima e indifferente. Come una diva morta. Accanto a Toni Servillo, ancora una volta protagonista con Sorrentino, un cast straordinario: Carlo Verdone, Sabrina Ferilli, Carlo Buccirosso, Iaia Forte, Pamela Villoresi, Galatea Ranzi, Anna Della Rosa, Giovanna Vignola, Roberto Herlitzka, Massimo De Francovich, Giusi Merli, Giorgio Pasotti, Massimo Popolizio, Isabella Ferrari, Franco Graziosi, Sonia Gessner, Luca Marinelli, Dario Cantarelli, Ivan Franek, Anita Kravos, Luciano Virgilio, Vernon Dobtcheff, Serena Grandi, Lillo Petrolo. "La grande bellezza", che esce in Italia il 21 maggio distribuito da Medusa Film e contemporaneamente in Francia distribuito da Pathé, è una coproduzione Italia-Francia: Indigo Film, in associazione con Banca Popolare di Vicenza per l'Italia, Babe Films, Pathé e France 2 Cinéma per la Francia. Il film si avvale anche del contributo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, del sostegno del Fondo Regionale per il Cinema e l'Audiovisivo della Regione Lazio, del supporto di Eurimages e del sostegno del Programma Media. Luca Bigazzi è il direttore della fotografia, Stefania Cella e Daniela Ciancio firmano le scene e i costumi, Cristiano Travaglioli il montaggio, Lele Marchitelli le musiche.

NICOLETTA BRASCHI NELLA GIURIA DELLA CINEFONDATION. Altra partecipazione italiana è quella di Nicoletta Braschi che sarà nella giuria della Cinefondation e dei cortometraggi del Festival di Cannes, presieduta dalla regista neozelandese Jane Campion.

giovedì, 18 aprile 2013