17/10/2021

[an error occurred while processing this directive]

Grillo e le società in Costarica dell'autista e della cognata

Tredici società aperte in Costa Rica per compiere operazioni immobiliari sarebbero riconducibili all'autista e alla cognata di Beppe Grillo, secondo quanto scrive il settimanale L'Espresso nell'edizione in edicola.

Grillo e le società in Costarica dell'autista e della cognata

Beppe Grillo

ROMA. L'autista e la cognata di Beppe Grillo sarebbero i promotori di tredici società nate per gestire affari e aprire un resort di lusso nel paradiso fiscale della Costa Rica, dove è garantito il segreto sui soci. E' quanto emerge dall'inchiesta dell'Espresso, oggi in edicola.

SOCIETA' IN COSTA RICA. Siamo sul golfo di Papagayo, rinomata località turistica della Costa Rica. Qui arriva l'autista di Beppe Grillo, Walter Vezzoli, 43 anni da Robbiate, provincia di Lecco. Vezzoli è un gigante tatuato. Da più di dieci anni segue come un'ombra il fondatore del Movimento Cinque Stelle. In piazza San Giovanni, il comico genovese lo ha presentato così alla folla: "Sta con me, fa la logistica, mi protegge, ha tutto sotto controllo". Come risulta dai documenti custoditi al registro pubblico del Paese centroamericano, Vezzoli amministra tredici società quasi tutte con base a Santa Cruz. Di queste, quattro sono immatricolate con la formula della “sociedad anonima”, uno schermo giuridico che protegge l'identità degli azionisti. Dalle carte consultate dall'Espresso risulta un altro amministratore oltre a Vezzoli: è Nadereh Tadjik, cognata di Grillo, sorella di sua moglie Parvin, di origini iraniane. Spunta poi un terzo nome: si tratta di Enrico Cungi, toscano classe 1953. Nel 1996 Cungi è stato coinvolto in un'indagine per narcotraffico. Arrestato in Costa Rica e poi estradato in Italia ha passato tre mesi in carcere, ma non risultano condanne a suo carico. Cungi è poi tornato a vivere in Costa Rica.

POCA TRASPARENZA? A che cosa servono queste società, dotate di capitali sociali minimi, non più di 10 mila dollari ciascuna? Difficile dare una risposta visto che il livello di trasparenza delle informazioni societarie in Costa Rica è tra i più bassi al mondo. Di una di queste società targate Vezzoli-Tadijk, l'Espresso però individua un progetto ben preciso, spiegato nel sito web della ditta Ecofeudo: un resort extra lusso da costruire su 30 ettari delle colline della baia Papagayo.

LA RISPOSTA SUL FATTO QUOTIDIANO. "I giornali oggi mi indicano come l'uomo delle società anonime all'estero, ma io all'estero vivevo. In Costa Rica è cresciuto mio figlio, io ero il proprietario di una discoteca: dove avrei dovuto registrare le società? A parte che non ho un centesimo, ma non c'era niente da scudare. Perché lì lavoravo e avevo progetti". Lo afferma, in un'intervista al Fatto Quotidiano, Walter Vezzoli, autista di Beppe Grillo, dopo l'inchiesta-copertina dell'Espresso su tredici società aperte in Costa Rica dall'uomo e dalla cognata del leader di M5S.

venerdì, 08 marzo 2013