19/08/2017

Due milioni di bambini senza cibo

La carestia in Somalia ha duramente colpito "12,4 milioni di persone": di queste "2,3 milioni sono bambini malnutriti, 600 mila in modo grave", molti scappati verso i campi profughi di Dadaab, in Kenya.

Due milioni di bambini senza cibo

Emergenza in Corno d'Africa

MOGADISCIO - Muoiono di morbillo o perché non hanno da mangiare. Dieci bambini ogni giorno si spengono vittime della carestia che ha colpito il Corno d'Africa, soprattutto in Somalia. I piccoli, insieme alle loro famiglie sono costretti a fuggire verso i campi profughi in Etiopia e in Kenya, dove si affollano milioni di persone scappate dal deserto per la crisi alimentare. 

IN SOMALIA. In tutto sono 12,4 milioni le persone che hanno immediato bisogno di aiuto umanitario. Di questi 2,3 milioni sono bambini malnutriti, 600 mila in modo grave, come riferisce l'Unicef. Nei campi profughi di Dadaab, in Kenya, ''la campagna di vaccinazione (antipolio, anti morbillo, somministrazione di vitamina A e di vermifughi) è stata completata il 5 agosto, raggiungendo oltre 70mila bambini, il 95% di quelli registrati nei campi''. Un altro problema, spiega l'Unicef, è quello della siccità, che ''continuerà a peggiorare e che raggiungerà il suo culmine intorno alla metà di settembre causando una brusca diminuzione dei raccolti''.

ETIOPIA. In Etiopia ci sono "livelli di mortalità allarmanti", come denuncia l'Alto commissariato dell'Onu per i rifugiati (Unhcr). Adrian Edwards, portavoce dell'Unhcr, citato dalla Bbc, dice che il morbillo è il principale sospettato per la morte di 11 bambini nel campo di Kobe, che ospita 25.000 persone e che fa parte del complesso di campi profughi di Dollo-Ado, che in totale dà rifugio a 121.000 profughi, con 200-250 nuovi arrivi ogni giorno. ''La combinazione di malattia e malnutrizione è stata all'origine di tassi di mortalità simili durante precedenti crisi alimentari'', ha detto il portavoce.

mercoledì, 17 agosto 2011