18/12/2017

"Che voglia di piangere ho": il cordoglio sul web

Social network inondati di messaggi di addio per Enzo Jannacci. Sul web l'omaggio di gente comune e di tanti artisti: da Guccini a Morandi, da Jovanotti ai Nomadi. E ancora, il sindaco di Milano Pisapia, il presidente della Regione Lombardia Maroni e la figlia di Giorgio Gaber.

"Che voglia di piangere ho": il cordoglio sul web

Il tweet di Jovanotti

MILANO - "Quelli che...Adesso sanno l'effetto che fa. Buon viaggio": con questo pensiero, postato su Twitter, Francesco Guccini ricorda Enzo Jannacci morto venerdì sera a Milano. "Ciao Enzo, Grande Artista...salutaci le stelle!", scrivono i Nomadi su Facebook, allegando il video live di 'Vincenzina e la fabbrica'. "Sentite qua. Una a caso. E' Jannacci. Sono tutti capolavori", è l'omaggio di Jovanotti rende omaggio su Twitter. "Un grande artista ci ha lasciato, Enzo Jannacci - scrive sulla sua pagina Facebook Gianni Morandi -. Un poeta estroso, ironico, geniale, con quella vena malinconica, ma così sublime.... un innovatore, capace di lasciare sempre la sua inconfondibile impronta. Ciao Enzo, ci mancherai".

L'OMAGGIO DI AMICI E COLLEGHI.
"Lo ricordo bene: intelligente, spiritoso, surreale, geniale. Ha raccontato la poesia di Milano", scrive Enrico Ruggeri su Twitter. In tanti, sul social network, hanno voluto ricordare la "voce degli ultimi", come lo ha definito Claudio Cecchetto. "Ciao grande maestro", ha scritto Gigi D'Alessio, a cui hanno fatto eco i Negramaro con una citazione da 'Messico e nuvole': "Che voglia di piangere ho...addio Enzo!". A messaggi più sintetici come quello di Syria, che ha salutato Jannacci con un "ciao signor Enzo", si accompagnano tweet più personali come quello di Paola Turci: "Rimangono tutte le tue canzoni e un pezzo di strada fatta insieme". Ironico Frankie Hi Energy: "Ciao Enzo non ti scapicollare". ''Enzo Jannacci, rimpiango un genio che se ne va insieme alla Milano meravigliosa delle sue canzoni", scrive Gad Lerner. "Ciao GENIO", è il laconico ma incisivo saluto di Marco Mengoni. "Addio Enzo ...... La tua musica lassù sarà ancora più originale", scrive Biagio Antonacci, sottolineandone l'unicità nel panorama musicale dell'artista milanese. Il Trio Medusa lo ricorda così: "Ho visto e sentito un Re. E adesso non c'è più. Addio a Enzo Jannacci". Molti gli artisti che hanno collaborato o cantato con lui, o che hanno interpretato qualcuno dei suoi brani: tra questi anche Luca Carboni. "Qualche anno fa -twitta il cantautore bolognese- avevo voluto testimoniare la mia stima per Enzo cantando 'Vincenzina'... Nell'album Musiche Ribelli". 

IL RICORDO DEL CINEMA E DELLA TV. Jannacci viene ricordato anche da chi non fa parte del mondo della musica. Così, ad esempio, il regista Paolo Virzì: "Per spiegare che anche i milanesi hanno un anima -scrive su Twitter il regista livornese- era il primo che veniva in mente. Dovrebbero dedicargli Piazza Duomo o un intero quartiere". "Mi consola solo -gli fa eco Gabriele Muccino- immaginare Jannacci e Gaber insieme". Anche Piero Chiambretti ha un pensiero per l'artista scomparso. "Tutti a ricordarlo ma a farlo lavorare pochi. Vedi Laureato Bis" twitta il conduttore, riferendosi alla trasmissione ('Il Laureato Bis', appunto) che aveva condotto insieme a Jannacci nel 1996. Anche Ezio Greggio ha voluto ricordare 'il Re' attraverso il social network più usato: "Jannacci se ne è andato. Un artista anticonformista, surreale, un po' Buster Keaton un po' Gilbert Becaud. Il non sense de Milan.Ciao Enzo...", scrive.
"Enzo Jannacci era un genio - scrive Fabio Fazio in un tweet - Le sue parole che non riuscivano a star dietro ai suoi pensieri. La sua poesia ha inventato un mondo bellissimo".

LA FIGLIA DI GABER: "TI VOGLIO BENE". Tanti e accorati i messaggi di Dalia, figlia di Giorgio Gaber, con cui Jannacci formò una celebre coppia della canzone italiana: "Ciao Enzo, ti voglio bene", scrive l'erede di Gaber postando una foto da giovani dei due celebri artisti.

PISAPIA: "RIMARRA' NELLA STORIA DI MILANO". "Ci ha lasciato un grande artista, un grande milanese. Anche Jannacci ha amato Milano ed è stato ricambiato. Con la sua ironia e le sue canzoni ha raccontato la Milano più vera. Rimarrà nella storia della città". Così il sindaco di Milano Giuliano Pisapia ha ricordato il grande cantautore scomparso. Insieme alle parole, anche un omaggio in musica: un link al video della celebre 'El purtava i scarp del tennis'. Tra i tanti commenti al post del primo cittadino milanese, subito la proposta di intitolare a Jannacci una via cittadina.

MARONI: "RIPOSA IN PACE CON LE TUE SCARPE DA TENNIS". ''Addio a Enzo Jannacci, cuore e musica di Milano. Riposa in pas, cunt i too scarp del tenis''. E' il saluto in milanese che il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, affida a Twitter per ricordare il cantautore e la sua passione per il tennis.

sabato, 30 marzo 2013Aggiornato:sabato, 30 marzo 2013, 09:55