22/01/2019

[an error occurred while processing this directive]

Evasione fiscale per 150 milioni di euro, 7 arresti a Pavia

Scoperta dalla Guardia di finanza un'organizzazione criminale in Lombardia. Sequestrati conti correnti, immobili di pregio e società immobiliari.

Evasione fiscale per 150 milioni di euro, 7 arresti a Pavia

7 arresti a Pavia

PAVIA - Operazione della Guardia di finanza di Pavia: scoperta un'evasione fiscale da 120 milioni di euro, sette persone arrestate, di cui quattro ai domiciliari, cui è stata contestata l'associazione a delinquere. Coinvolte società di un consorzio di cooperative. E' stato inoltre disposto il sequestro di beni per undici milioni. E' il bilancio dell'operazione "Prima lux": i militari, al termine di una complessa indagine, hanno scoperto un'associazione per delinquere finalizzata all'evasione delle imposte sui redditi e sul valore aggiunto, mediante l'utilizzo di fatture per operazioni inesistenti e di costi fittizi, senza la relativa documentazione.

GLI ARRESTATI.  Agli arrestati è stata contestata l'associazione a delinquere finalizzata alla frode fiscale, oltre ai reati tributari. In carcere l'uomo ritenuto il capo dell'organizzazione, un 44enne di Usmate Velate, provincia di Milano, una 42enne di Missaglia, consocia e commercialista delle società implicate, e un 47enne di Binasco. Ai domiciliari, i principali compartecipi, un 51enne di Cormano, un 69enne e un 54enne, entrambi di Milano, e infine un 56enne di Sapri. I finanzieri hanno controllato tredici società cooperative che fanno capo ad un consorzio preposto all'approvvigionamento di grandi appalti nel settore della logistica e del facchinaggio.

LE CIFRE EVASE. Gli accertamenti di carattere tributario hanno consentito di scoprire sette evasori totali e due evasori paratotali. Sono stati accertati, in via definitiva, la produzione e la ricezione di fatture false, oltre alla registrazione di costi fittizi per oltre trenta milioni di euro e Iva evasa per oltre dieci milioni di euro. E, spiegano i finanziari, "le verifiche fiscali, ancora in essere, condurranno all'effettivo riscontro di ricavi non dichiarati e non sottoposti a tassazione per circa 120 milioni di euro".giovedì, 09 febbraio 2012