08/12/2021

[an error occurred while processing this directive]

"Che sarà", Ricchi e Poveri
con José Feliciano

Il secondo singolo del doppio album "ReuniOn" vede la partecipazione straordinaria di José Feliciano.

"Che sar&#224;", Ricchi e Poveri <BR>con Jos&#233; Feliciano

Ricchi e Poveri

Roma - Sono trascorsi 50 anni dal Festival di Sanremo del 1971 ma i Ricchi e Poveri sono rimasti sempre gli stessi. Il quartetto genovese  si è riunito di nuovo in studio di registrazione per incidere "Che sarà", con la partecipazione straordinaria di José Feliciano che, a distanza per la pandemia, si unisce al gruppo per reinterpretare il brano parte della memoria collettiva, oggi colonna sonora per scommettere sul futuro.
La scelta di un’ambientazione essenziale è data dalla straordinarietà dell’incontro tra il gruppo italiano più famoso al mondo e José Feliciano, special guest di fama internazionale. Il ritmo di montaggio e gli stacchi non sono sottolineati da effetti speciali ma dalla polifonia delle voci maschili e femminili e dalla forza del brano. I Ricchi e Poveri cantano nuovamente "Che sarà" un brano che è parte della memoria collettiva insieme all’artista portoricano come se il tempo non fosse passato e gli interrogativi fossero ancora attuali, assumendo il senso di una nuova incognita rispetto al futuro e interpretando più la speranza che la nostalgia.


“Il brano rappresenta molte cose - raccontano i Ricchi e Poveri - quando lo abbiamo cantato a Sanremo nel 1971ci siamo rivolti soprattutto agli emigranti che lasciavano l’Italia per trovare fortuna altrove e abbiamo raccontato la nostalgia e l’incertezza del futuro. Oggi la canzone, peralcuni aspetti, è ancora più attuale perché quel “so far tutto o forse niente da domani si vedrà e sarà,sarà quel che saràin fondoè universale.Tutto può evolversi e cambiare positivamente, la nostra REUNIONè un esempio di amicizia ritrovata. Dopo 50 anni è stato emozionantissimo ricantare insieme a Feliciano che ha trasmesso la sua personalità artistica nel suono e nel canto, personalità che lo ha reso famoso in tutto il mondo non solo per le sue canzoni ma anche come interprete di questo brano che ormai appartiene a tutte le generazioniA distanza di 50 anni, con tutto quello che è accaduto, la ricantiamo ancora, questa è una fortuna immensa. Ognuno si può identificare in una frase o nell’altra perché la canzone ha tante sfumature. Che sarà è quello che stiamo vivendo adesso con la pandemia, vuol dire avere ancora un domani. Vorremmo interpretare il desiderio di unfuturo migliore per il Paese.

CHE SARA' è il secondo singolo del doppio album ReuniOn. 21 tracce che racchiudono i grandi successi dagli anni '60 agli anni '90  per la prima volta eseguiti dal gruppo nella formazione originaria: Angela Brambati, Franco Gatti, Marina Occhiena e Angelo Sotgiu. Il progetto è stato realizzato sotto la direzione musicale del maestro Lucio Fabbri, che ha curato il nuovo arrangiamento rivisitando il repertorio degli anni ’70 con sonorità moderne, in grado di recuperare un immaginario che avvicina il pubblico adulto alle nuove generazioni, e i successi degli anni ’80 e ’90, per la prima volta cantati a quattro voci, anziché solo da tre, con un meraviglioso
effetto di ensamble.




sabato, 27 marzo 2021