28/09/2021

[an error occurred while processing this directive]

Lissner nuovo patron dell'Opera di Parigi

L'attuale sovrintendente della Scala di Milano sarà alla guida dell'Opera a partire dal setetmbre 2015. Stephane Lissner a Le Monde: "E' un onore che mi fa il mio Paese e una grande responsabilità che mi dà".

Lissner nuovo patron dell'Opera di Parigi

Stephane Lissner

MILANO - L'attuale sovrintendente della Scala Stephane Lissner prendera' la guida dell'Opera di Parigi a partire dal settembre 2015. L'annuncio è stato dato dal ministero della Cultura francese e subito è rimbalzato sui media d'Oltralpe.

"GUIDA OPERA DI PARIGI E' UN ONORE CHE MI FA IL MIO PAESE". In un'intervista a Le Monde, Lissner ha commentato così la sua nomina alla direzione dell'Opera di Parigi: "E' un onore che mi fa il mio Paese e una grande responsabilità che mi dà. Ma mi sento pronto ad accettare questa sfida". "Nonostante la crisi la cultura in Francia è più fortunata che altrove - ha detto Lissner -. Ci sono per me tre sfide da raccogliere: artistica, sociale e economica". Il futuro direttore dell'Opera di Parigi annuncia "progetti ambiziosi', "apertura e moderazione" e, per quanto riguarda l'aspetto economico, assicura di avere sempre lasciato le strutture che ha guidato "in uno stato di salute finanziaria migliore" di quello che ha trovato. "A Milano - prosegue Lissner - per il settimo anno consecutivo presento un bilancio in equilibrio (ricordo che c'era un deficit di diversi milioni di euro quando sono arrivato) nonostante un governo Berlusconi che non ci ha aiutato". Per quanto riguarda il repertorio, ammette Lissner, "è certo che sette volte su dieci il mio pensiero, il mio cuore, il mio interesse, vanno piuttosto verso registi moderni, se non avanguardisti. Ne ho fatti venire alcuni a Milano e ne farò venire altri a Parigi. Penso a Simon McBurney, Romeo Castellucci, Dmitri Tcherniakov, Clauss Guth, Deborah Warner, Richard Jones, Andrea Moses, Sebastian Baumgartner, senza dimenticare la giovane generazione di registi francesi". E conclude: "l'opera deve restare in contatto con la societa"'.

lunedì, 08 ottobre 2012