31/07/2021

[an error occurred while processing this directive]

Strage in Chiesa, sospetti su Boko Haram

Nessuna rivendicazione per l'attentato terroristico di ieri, ma per la stampa locale la firma è del gruppo islamista radicale Boko Haram, già autore di simili attacchi. Sei le vittime. Il ministro degli Esteri Terzi: "Orrore inaccettabile".

Strage in Chiesa, 
sospetti su Boko Haram

Strage di Natale in Nigeria

KANO (NIGERIA) - Per il terzo anno di fila, i cristiani di Nigeria hanno vissuto un Natale insanguinato da una strage. Nella notte della vigilia un commando armato ha fatto irruzione in una piccola chiesa di un villaggio del nord-est e ha ucciso a raffiche di mitra il sacerdote e cinque fedeli. L'attacco è avvenuto a Peri, a un paio di chilometri da Potiskum, la capitale economica di Yobe, Stato a maggioranza musulmana ma con una forte minoranza cristiana. Prima di darsi alla fuga, il commando ha anche dato fuoco alla chiesa e ad alcune case vicine.

SOSPETTI SU GRUPPO ISLAMISTA. Non c'è stata una rivendicazione dell'attacco, ma i sospetti ricadono sul gruppo islamista radicale dei Boko Haram. Il gruppo, che vagheggia la nascita di un Califfato musulmano in Nigeria e l'eliminazione di ogni presenza cristiana, è radicato nello Stato di Yobe e nel resto del nord del Paese a prevalenza musulmana, rispetto ad un Sud soprattutto cristiano.

"ORRORE INACCETTABILE". Il ministro degli Esteri, Giulio Terzi, su Twitter ha condannato quello che ha definito un "orrore inaccettabile" e ha chiesto che l'impegno internazionale "per la tutela delle minoranze religiose sia massimo". Nella benedizione Urbi et Orbi, Papa Benedetto XVI ha fatto riferimento agli "efferati attacchi terroristici" per auspicare che "il Natale di Cristo favorisca il ritorno della concordia in Nigeria".
mercoledì, 26 dicembre 2012