31/07/2021

[an error occurred while processing this directive]

Ior, Gotti Tedeschi: "Prosegue attacco veemente alla Chiesa"

Il presidente dell'Istituto opere di religione in riferimento alle inchieste sulle norme antiriciclaggio. "L'attacco alla credibilità della Chiesa sei mesi dopo l'uscita dell'enciclica Caritas in Veritate".

Ior, Gotti Tedeschi: "Prosegue attacco veemente alla Chiesa"

Ettore Gotti Tedeschi

CITTÀ DEL VATICANO - "L'attacco veemente alla credibilità della Chiesa è iniziato appena sei mesi dopo l'uscita dell'enciclica 'Caritas in veritate', con gli attacchi alla persona del Papa e i fatti legati alla pedofilia. E continua ancora adesso con le vicende che mi vedono coinvolto". Così il presidente dello Ior, Ettore Gotti Tedeschi, durante una conferenza a Fermo sull'ultima enciclica papale. Gotti Tedeschi non è entrato nel merito dell'inchiesta sulla presunta violazione da parte dell'istituto vaticano delle norme antiriciclaggio, ma durante il suo intervento non ha mancato di fare riferimento alle ultime vicende.

"COLPA DEI PRETI SE C'È LA CRISI".
"Se c'è la crisi la colpa è dei preti, perchè non hanno più insegnato la dottrina e il senso della vita. Vogliamo uscire dalla crisi? Che i preti ricomincino a insegnare la dottrina. Se non superiamo la cultura nichilista e avviamo un rinnovamento dell'uomo rapidamente - ha aggiunto - non riusciremo ad andare avanti e per questo rinnovamento non possiamo fare a meno dei preti". Gotti Tedeschi ha poi riservato un affondo al politologo Giovanni Sartori: "Mi criminalizza perchè sostengo che è necessario fare figli per uscire dalla crisi e mi attacca continuamente sui giornali. Secondo lui bisognerebbe non fare figli e distruggere anche quelli che ci sono, ma se cominciasse con sè stesso non sarebbe male".

NON ESISTE FINANZA ETICA. "La banca etica e la finanza etica non esistono. Quando ascoltate queste affermazioni vi stanno imbrogliando, perchè uno strumento in se' non puo' essere etico, ma è l'uomo che gli dà il valore etico. Il cattolico divide sempre tra mezzi e fini e non dà la responsabilità agli strumenti se i fini sono sbagliati".

L'ENCICLICA. "L'enciclica ha una strategia di fondo: se gli strumenti hanno autonomia morale vanno contro l'uomo". Infine Gotti Tedeschi ha  ricordato "come un'enciclica non è nel tempo ma fuori dal tempo perchè è solo un richiamo pastorale e dottrinale". E ha posto l'accento sul fatto che la preoccupazione del Papa "è quella dell'evoluzione del pensiero e non degli strumenti".

sabato, 23 ottobre 2010Aggiornato:sabato, 23 ottobre 2010, 13:16