11/05/2021

[an error occurred while processing this directive]

Sequestrati giocattoli pericolosi a Genova e Firenze

Un carico di giocattoli pericolosi, proveniente dalla Cina, è stato sequestrato a Genova e oltre 350 mila tra giocattoli e prodotti natalizi contraffatti sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza di Firenze nell'ambito dell'operazione Natale sicuro.

Sequestrati giocattoli pericolosi a Genova e Firenze

Giocattoli pericolosi

GENOVA - In particolare, 400 spade in plastica contaminate da cromo, con una concentrazione di gran lunga superiore al limite imposto dalla normativa, che avrebbe potuto costituire un concreto pericolo per la salute. Il carico era destinato a una societa' della provincia di Pavia, il cui rappresentante legale era gia' stato denunciato dai funzionari doganali per un precedente tentativo di importazione di merci contraffatte. Lo comunicano l'Ufficio delle Dogane di La Spezia e i Nas di Genova in una nota. L'importatore, si legge, è stato denunciato alla Procura della Repubblica di La Spezia per falso ideologico, violazione del codice del consumo e inosservanza della normativa sulla sicurezza dei giocattoli, mentre le spade in plastica sequestrate saranno a breve distrutte secondo le procedure. Le indagini sono state condotte attraverso l'analisi della documentazione sulla sicurezza dei prodotti e mediante analisi di laboratorio (nell'ambito del progetto 'Giocattolo sicuro 2012' accordo tra l'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, il ministero dello Sviluppo economico e l'Istituto Superiore di Sanita'). Gli accertamenti hanno consentito inoltre di constatare che il marchio Ce apposto sui giocattoli era falso.
A Firenze invece le fiamme gialle hanno individuato 15 esercizi commerciali controllati, 5 persone denunciate per vendita di prodotti contraffatti, 4 soggetti sanzionati amministrativamente per vendita di prodotti non a norma Ce, 353.804 oggetti sequestrati (giocattoli, cosmetici, prodotti di cartolibreria, borse, prodotti elettrici). I controlli si sono incentrati principalmente nella zona dell'Osmannoro dove maggiori sono le societa' di import di prodotti natalizi e giocattoli direttamente dalla Cina. Qui sono avvenuti i sequestri più ingenti, presso 3 società gestite da soggetti di etnia cinese. All'interno delle attivita' economiche erano esposti e pronti per essere messi in vendita giocattoli (palloncini, timbri giocattoli, adesivi, temporary tattoo, bracciali, fate luminose), prodotti per la cosmesi (unghie e ciglia finte nonchè colle per fissarle, creme per labbra, correttori) e oggetti natalizi (alberi di natale luminosi o in fibra ottica, babbi natale, campane e lanterne luminose, pupazzi di neve, cappelli luminosi di Babbo Natale) privi di dichiarazione di conformità CE, della prescritta marcatura o delle informazioni in lingua italiana.
mercoledì, 19 dicembre 2012