02/12/2020

[an error occurred while processing this directive]

Si è spento il reverendo Moon,
aveva sposato Milingo

Era noto in Italia per aver celebrato il matrimonio dell'ex arcivescovo cattolico Emmanuel Milingo. Era a capo dell'impero mediatico 'News World Communications', incentrato sul conservatore Washington Times e altre testate in Corea del Sud, Sud America e Medio Oriente.

Si &#232; spento il reverendo Moon, <br> aveva sposato Milingo

Il reverendo Moon con Maria Sung

SEOUL - E' morto a 92 anni il 'reverendo' sudcoreano Sun Myung Moon. Era leader religioso della Chiesa dell'Unificazione, che conta sette milioni di fedeli in tutto il mondo.

LA MALATTIA. Il reverendo è morto in Corea del Sud, in un ospedale nei pressi della sua abitazione a Gapyeong, nelle prime ore del mattino. Moon era stato ricoverato lo scorso mese per complicazioni polmonari.

CELEBRO' IL MATRIMONIO DI MILINGO. Moon era diventato noto quando, il 27 maggio 2001, celebrò le nozze a New York tra il vescovo cattolico Emmanuel Milingo e la coreana Maria Sung, in un matrimonio collettivo. Per questo episodio, Milingo venne scomunicato dal Vaticano: le polemiche furono roventi, ''nel momento in cui Milingo sposò Maria Sung con il rito della setta anticristiana del reverendo Moon, fu sotto l'azione di influssi occulti'', disse l'esorcista don Gabriele Amorth.

LA CHIESA DELL'UNIFICAZIONE. Fuggito dalla Corea del Nord, dove era nato il 6 gennaio del 1920, a Jeonju, il reverendo Moon fondò la chiesa dell'Unificazione nel 1954, un anno dopo la fine della guerra del 1950-53. La sua setta ha raggiunto quota 3 milioni di seguaci in 194 Paesi. Famoso per i matrimoni di massa, ne celebrò uno nel 1992 con ben 30.000 coppie al Jamsil Stadium di Seoul. In Italia la Chiesa dell'Unificazione è stata fondata nel 1965 da una missionaria americana, Doris Walder, con il nome di Associazione Spirituale per l'Unificazione del Mondo Cristiano.

L'IMPERO COMMERCIALE. Moon era anche a capo dell'impero mediatico 'News World Communications', incentrato sul conservatore Washington Times ed altre testate in Corea del Sud, Sud America e Medio Oriente. Nonostante le polemiche, la chiesa ha costruito nel tempo un impero commerciale in tutto il mondo, tra cui 10 aziende solo in Corea del Sud, fino a raggiungere anche la Corea del Nord, dove ha promosso la realizzazione di una grande struttura di vetro e acciaio a Pyongyang.

domenica, 02 settembre 2012